I Viaggi Di Roby

Note di regia di "Stoj!"


Note di regia di
Questo cortometraggio ispirato alla storia dei miei nonni paterni, nonna Giovanna e nonno Luigi. Lei era slovena dei dintorni di Gorizia, lui un carabiniere che prestava servizio nella citt sull'Isonzo. Le loro strade si incrociarono bruscamente il 15 settembre 1947 quando le disposizioni del Trattato di Pace di Parigi entrarono in vigore e penetrarono nel cuore della regione di Gorizia, con un confine appena stabilito tra Italia e Jugoslavia. Come al solito lei parti al mattino per andare a lavorare, e quando fece ritorno a casa trov la strada sbarrata, il confine ora (e per un p di tempo) chiuso. Venne notata da mio nonno che si offr per aiutarla, e l'accompagno dalla zia Krona, sorella di sua madre, che viveva in citt. Ben presto nacque l'amore tra i due, si sposarono nel 1953 e si trasferirono a Roma.

La loro storia, catturata in frammenti in un filmino di famiglia in 8mm, mi ha ispirato ed offerto l'opportunit di lavorare su un tema abbastanza variegato: come un intimo dramma familiare ed allo stesso tempo una cronaca di una certa epoca. Ho composto il cast con dei non attori, visi antichi e naturali, persone di entrambe le parti del confine. Il film stato girato su pellicola 16mm, con un'ottica utilizzata per girare cinegiornali nel periodo post-bellico, rendendo cos le immagini quasi documentarie.

Ci ha creato un'opera cinematografica che invita lo spettatore a superare confini e barriere, comprese quelle mentali che spesso ci privano di esperienze inestimabili. Persino quei confini che nell'Europa di oggi nessuno vuole aprire, ma addirittura si aiuta a ricostruirli e chiuderli.

Il progetto autofinanziato e ho avuto l'aiuto come coproduttore del Kinoatelje di Gorizia, attivo da molti anni nella produzione audiovisiva, con un'attenzione particolare alle storie girate e scritte sul confine. I costumi originali d'epoca, sono stati forniti dal fondo del teatro SNG di Nova Gorica. Anche molti amici e parenti hanno partecipato al film, ed ulteriormente viene accentuata la caratteristica di "film di famiglia".

Giulio De Paolis