I Viaggi Di Roby

ITALIAN MINNEAPOLIS FILM FESTIVAL 11 - Documentario
sul folklore siciliano trionfa negli U.S.A.


ITALIAN MINNEAPOLIS FILM FESTIVAL 11 - Documentario sul folklore siciliano trionfa negli U.S.A.
Mauro Maugeri
Acquasanta di Mauro Maugeri si aggiudica il premio come miglior cortometraggio all Italian Film Festival of Minneapolis/St. Paul. La kermesse, organizzata dal Centro di Cultura Italiana del Minnesota in collaborazione con MPS Film Society, ha concluso la sua XI edizione premiando il documentario girato nel borgo di Santa Maria La Scala (Acireale). Il lavoro appartiene alla pi ampia serie di documentari Sicily Folk Doc Racconti di feste popolari, che Mauro Maugeri porta avanti con Daniele Greco (entrambi registi e autori), con la produzione di Giulia Iannello, e la collaborazione di Antonio Toscano (montatore) e Fabio Trombetta (direttore del suono).

In giro per il mondo c un interesse autentico per le tradizioni siciliane, percepite come uniche ha dichiarato Mauro Maugeri ritirando il premio sul palco di Minneapolis e questo ci spinge a proseguire nella nostra indagine antropologica e visiva - ha aggiunto il regista, introducendo il progetto di un film lungo.

Dopo che i singoli capitoli della serie hanno ricevuto, sotto forma di cortometraggi, decine di premi nei festival italiani e soprattutto a internazionali, attualmente in fase di sviluppo un unico documentario incentrato su quattro feste religiose della Sicilia. Queste svelano un legame ancestrale tra le comunit locali e un preciso elemento della natura: oltre allacqua del corto oggi premiato (la festa della Madonna della Scala si svolge in seno al mare di Acireale) Sicily Folk Doc racconta la congiunzione delluomo col fuoco (esaltata dalla festa di San Sebastiano a Tortorici), con la terra (nella celebrazione di San Giacomo a Capizzi) e con laria (nella festa della Madonna Assunta a Randazzo). Misteri della cultura siciliana indagati con una tecnica che molto riflette sulla soggettivit del punto di vista e sulla necessit di non alterare la realt nel momento stesso in cui la si osserva. Uno studio che i due registi siciliani hanno scelto di condurre in assenza di dialoghi, ma al tempo stesso elevando il paesaggio sonoro a elemento privilegiato della narrazione. Non essere vincolati a una lingua precisa (e quindi a traduzioni e sottotitoli) ha certo rappresentato un vantaggio nella distribuzione dei documentari, che avvalendosi di un linguaggio universale e immediato hanno partecipato a centinaia di festival cinematografici in tutto il mondo.

24/02/2020, 20:53