CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

Note di regia di "Paperman"


Note di regia di
La prima volta che ho parlato con James Lake, via Skype, dopo circa quindici minuti di conversazione mi sono sentito chiedere: “A proposito, ti hanno avvertito che non ho una gamba? Questo aneddoto rende bene l'idea di come la disabilità, nella vita e nel lavoro di James, sia un concetto fondamentale ma mai invadente. È solo un dato di fatto, una parte del percorso, un
elemento del racconto. Come dice lui stesso:
Raccontare James senza raccontare la sua vicenda tragica - il cancro che lo ha reso disabile a
17 anni - sarebbe impossibile e ingiusto. Ma Paperman è prima di tutto la storia di un uomo e di un artista: uno straordinario scultore, peraltro piuttosto incline a parlare del suo lavoro, ma allo stesso tempo un personaggio schivo, talmente umile da arrivare spesso ad autosminuirsi, arroccato nella sua dimensione ideale: il silenzio della sua casa, la sua famiglia, il garage dove lavora, la sua città, i suoi progetti con le scuole. Una comfort zone dove vivere la straordinarietà delle sue opere come un qualcosa di ordinario, di intimo.
Il modo dimesso e leggero, ma allo stesso tempo profondamente consapevole, con cui James parla di sé lascia sempre un po' sorpresi, a fronte di un percorso personale e di risultati artistici che è difficile non definire unici.
Il tema della disabilità, in generale della “diversità”, si palesa quindi come punto di partenza per una vera e propria poetica. Il cartone in quanto materiale riciclato, economico, facilmente reperibile, è un punto d'accesso all'espressione artistica per tutti, a prescindere dalle condizioni economiche, personali, fisiche.
Da queste considerazione è nata la volontà di incontrare prima di tutto James nel suo contesto, nella sua “tana” personale ed artistica a cui tiene così tanto, per poi seguirlo nel suo viaggio in Italia, alla Biennale di Lucca, dove è chiamato a realizzare un'opera monumentale, la più grande
che abbia mai realizzato. Un'opportunità sorprendente e inattesa, ma anche una sfida artistica e fisica non indifferente.
Il film racconta il superamento dei propri limiti, fisici, psicologici e sociali. È una storia sul conflitto costante tra ciò che vorremmo essere (o che pensiamo di essere) e ciò che ci capita, e che ci obbliga a rimettere continuamente tutto in discussione. Al di là dell'eccezionalità della vicenda di James, quella di Paperman è una storia che ci riguarda, perché, per dirla con le parole di John Lennon, "la vita è ciò che ti capita mentre sei impegnato a fare altri progetti.

Domenico Zazzara