Sudestival 2020

PINOCCHIO - I costumi in mostra al Museo del Tessuto di Prato


Le "opere" di Massimo Cantini Parrini sono state realizzate Sartoria Tirelli, dalla Sartoria Costumi d'Arte Peruzzi, da Cospazio 26 e le parrucche da Rocchetti e Rocchetti.


PINOCCHIO - I costumi in mostra al Museo del Tessuto di Prato
In occasione del Natale 2019, il Museo del Tessuto di Prato inaugura una mostra dedicata al pluripremiato costumista cinematografico Massimo Cantini Parrini.
La mostra presenta in anteprima assoluta il suo ultimo straordinario lavoro: oltre 30 costumi realizzati per il film "Pinocchio" di Matteo Garrone, in uscita nelle sale il prossimo 19 dicembre e distribuito da 01 Distribution.

Dei costumi in mostra, 25 sono stati realizzati dalla Sartoria Tirelli, 5 dalla Sartoria Costumi d'Arte Peruzzi, 2 da Cospazio 26, mentre le parrucche da Rocchetti e Rocchetti.
Massimo Cantini Parrini nato e si formato a Firenze: dall'Istituto Statale d'Arte di Porta Romana, al Polimoda, fino alla Laurea in Cultura e Stilismo della moda presso l'Universit di Firenze. Nel corso degli studi accademici vince il concorso al Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma, diventando allievo nel corso di costume del premio Oscar Piero Tosi. Il suo esordio nel cinema come assistente costumista accanto a Gabriella Pescucci, anche lei premio Oscar, che lo chiama a collaborare per oltre dieci anni per grandi produzioni cinematografiche internazionali, teatro lirico e varie manifestazioni.

Massimo Cantini Parrini affianca alla sua professione di costumista una straordinaria passione per gli abiti d'epoca, che colleziona fin dall'et di tredici anni. Ad oggi la sua raccolta vanta pi di 4.000 pezzi, che spaziano dal 1630 al 1990, tutti originali e di creatori e stilisti iconici, dai quali spesso trae spunto ed ispirazione per realizzare i suoi costumi.
Massimo Cantini Parrini l'unico costumista italiano ad aver vinto dalla prima nomination tre David di Donatello consecutivi (2016-2018), oltre ad altri numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali spiccano Nastri d'Argento, Ciak d'oro e premiazioni in importanti festival cinematografici. L'ultimo riconoscimento da lui ricevuto l'EFA (European Film Award).
In curriculum ha pi di 50 produzioni da costumista, molte delle quali per registi di fama internazionale. Emerge significativamente il sodalizio stabilito con Matteo Garrone, che - prima di "Pinocchio" - lo ha chiamato per realizzare i costumi dei film "Il racconto dei Racconti" (2015), "Dogman" (2018).

Il percorso della mostra sar articolato in due sezioni: la prima dedicata al costumista, alle sue fonti d'ispirazione ed al suo lavoro creativo attraverso video, campionature di tessuti, capi d'abbigliamento storici del XVIII e XIX secolo provenienti dalla sua straordinaria collezione personale, utilizzati come fonti di ispirazione diretta per la creazione degli abiti del film. La seconda prevede invece l'esposizione di oltre trenta costumi dei principali personaggi del film, accompagnati da immagini tratte dal film stesso e da alcuni, simbolici oggetti di scena.

12/12/2019, 16:14