FilmdiPeso - Short Film Festival

NON MENTIRE - Il filo sottile del dubbio dal 17 febbraio


Una serie tv in 6 episodi in prima serata su Canale 5 con Alessandro Preziosi e Greta Scarano, diretta da Gianluca Maria Tavarelli e scritta da Lisa Nur Sultan, remake della serie tv inglese Liar creata da Jack e Harry Williams. Nel cast anche Fiorenza Pieri, Paolo Briguglia, Matteo Martari, Claudia Potenza e Duccio Camerini. Una produzione Indigo Film


NON MENTIRE - Il filo sottile del dubbio dal 17 febbraio
Alessandro Preziosi e Greta Scarano
Un appuntamento galante come tanti: lei Laura Nardini, uninsegnante di liceo, lui Andrea Molinari, uno stimato chirurgo. Tra i due c molta complicit e sembrano piacersi davvero, trascorrono una piacevole serata insieme che si conclude nellappartamento di lei. La mattina seguente, per, qualcosa turba profondamente Laura. La donna si risveglia nel suo letto stordita e sotto shock, con un ricordo confuso ma agghiacciante: Andrea lha stuprata. Per il chirurgo invece la giornata cominciata diversamente: felice e confessa allamico e collega Nicola la voglia di rivedere Laura. Non pu immaginare che le cose andranno in maniera tragicamente diversa: Laura lo denuncia alla polizia per violenza sessuale e Andrea sconvolto respinge le accuse parlando di un rapporto consensuale. Chi dei due sta mentendo?

"Non mentire" comincia come una storia leggera e sentimentale trasformandosi in breve in un thriller ansiogeno: il clima disteso lascia presto il posto ai sospetti, alla disperazione di Laura per il trauma subito e a quella di Andrea che pensava di aver trascorso una notte damore. Gli elementi del giallo, cos, vengono gradualmente seminati tracciando un profilo dei due sospettati e seguendo inizialmente liter traumatico che ogni donna vittima di violenza deve subire: controlli medici, domande incalzanti, insinuazioni umilianti.

Ci sono anche i clich aberranti che gettano unombra su Laura: ha bevuto troppo, lo ha incoraggiato invitandolo a salire a casa in piena notte, ha avuto un passato difficile. E non ci sono prove evidenti dello stupro. Andrea, invece, appare, per il pensiero comune, come il ritratto perfetto dellinnocente: un chirurgo affermato, bello e affascinante, vedovo, padre premuroso, interessato a Laura tanto da mandarle anche un messaggio di buongiorno dopo la notte incriminata. Ma presto anche la sua immagine perfetta comincer a vacillare.

La scrittura di Lisa Nur Sultan, co-sceneggiatrice dellacclamato Sulla mia pelle di Alessio Cremonini, riesce a tenere in equilibrio tutti gli elementi sul tavolo raccontando in maniera credibile e non forzata le versioni dei due protagonisti. Due personaggi non stereotipati ma presentati in maniera veritiera con i loro difetti, le fragilit e con dei segreti da nascondere. Nessuno dei personaggi immacolato e retto come spesso la tv generalista mostra nei suoi prodotti. Tutto giocato sul sottile filo del dubbio e la credibilit da ricercare anche nellottima prova dei due attori protagonisti: Greta Scarano profonda e convincente nel mostrare le tante sfaccettature di Laura, Alessandro Preziosi misurato e rigoroso pienamente in parte.

A completare il quadro i temi di scottante attualit che si vanno a legare alla trama principale: il potere dei social media di distruggere una vita nel giro di qualche post, lonline shaming, le falle nei sistemi giudiziari e di indagine, le discriminazioni sessuali.

Gianluca Maria Tavarelli segue la lezione delle serie tv internazionali non presentando una regia statica e didascalica ma accompagnando lo spettatore dentro la storia, a contatto con i protagonisti, alla ricerca delle crepe, degli indizi che scagioneranno uno e condanneranno laltro. Attraverso intensi close up e riprese serrate si manifestano tutta lansia e il terrore di Laura e Andrea. Un prodotto anomalo allinterno del palinsesto Mediaset che oltre i polizieschi rassicuranti e La Dottoressa Gi punta finalmente su un prodotto innovativo e allaltezza di Netflix, Amazon e di alcune serie tv Rai.

30/01/2019, 09:10

Caterina Sabato