Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

TFF36 - RIDE, come affrontare un lutto


Unico film italiano in concorso al Torino Film Festival 36 l'opera prima da regista di Valerio Mastandrea, interpretato da Chiara Martegiani, Renato Carpentieri, Stefano Dionisi e dall'esordiente Arturo Marchetti. In sala dal 29 novembre.


TFF36 - RIDE, come affrontare un lutto
Ride
Tre modi diversi di affrontare un lutto, la morte improvvisa di un 35enne operaio sul posto di lavoro: il figlio piccolo pensa alle tv che accorreranno ai funerali e a come sfruttarle per fare colpo sulla compagna di scuola che gli piace; il padre - anch'egli operaio e 'ispiratore' delle scelte di vita del defunto - riflette su quanta sia la sua parte di colpa in ci che successo; la vedova - inspiegabilmente - ride.

Non un riso isterico e incontenibile, ma la risata scaturita dai bei ricordi che affiorano. E, soprattutto, l'impossibilit di fare ci che tutti si aspettano da lei: piangere. Tutti le lacrimano intorno, amici e vecchie fiamme, ma lei no. Per quanto cerchi di farlo, per quanto provi a imitarli, non riesce. Ma cos sbagliato reagire a modo proprio? Esistono regole su ci che sia giusto fare in questi casi?

Punto di vista interessante e originale, idea sviluppata sulle (notevoli) capacit interpretative della protagonista Chiara Martegiani, ben affiancata dal giovane Arturo Marchetti, qui all'esordio.

Un tema enorme, quello dell'elaborazione del lutto e delle morti sul lavoro, che viene un po' appesantito da tanto altro (le lotte operaie, la lotta armata, le divisioni generazionali, il racconto della vecchiaia, le liti tra bambini...) e anche un po' soffocato dalle tantissime musiche inserite nel commento sonoro (canzoni bellissime, come la stessa protagonista Carolina sottolinea, sia chiaro).

Quel che viene proposto allo spettatore quindi un film da vedere, apprezzare e sostenere, ma che lascia la sensazione che avrebbe potuto essere molto di pi (e di meglio) se si fosse avuto il coraggio di dire di meno.

27/11/2018, 13:13

Carlo Griseri