I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

SEGUIMI - Un thriller psicologico tra arte e paranormale


Il film di Claudio Sestieri, ambientato tra Barcellona e Matera, mischia generi e atmosfere di un cinema proposto con uno stile antico. Nel cast Angelique Cavallari e Maya Murofushi, due donne che incrociano le proprie vite, Pier Giorgio Bellocchio pittore maledetto, Antonia Liskova sorella distante e preoccupata Esce nelle sale dal 22 novembre 2018, distribuito da Stemo Production


SEGUIMI - Un thriller psicologico tra arte e paranormale
Angelique Cavallari e Maya Murofushi in "Seguimi"
Sembra un film degli anni 70, Seguimi. Gli artisti, il transfer, gli spiriti, qualche momento erotico lesbo, il vedo e non vedo, insomma una serie di elementi accennati che riescono a riempire lora e mezza ma che alla fine possono farci dire: be, allora?

I pochi personaggi si muovono in una Matera semi deserta, che sembra avere una marcia in pi rispetto a Grottaferrata o a Busto Garolfo, alla ricerca di una soluzione ai propri tormenti. misteriosa e artistica, fonte di ispirazione e di smarrimento, ambiente ideale per camminare ore da soli con se stessi, su e gi, sempre a caccia di un elemento che acuisca la natura tenebrosa del film.

Gli sceneggiatori, Claudio Sestieri, Patrizia Pistagnesi e Nicola Molino, lavorano in sottrazione nella storia e negli eventi spostando il grosso del lavoro sui dialoghi e lasciando troppo spesso al racconto delle parole qualcosa che avremmo voluto vedere.
Cos "Seguimi" rimane un film fatto di accenni; dai generi ai personaggi, dai rapporti allo sviluppo della storia, dai costumi alla fotografia. Forse lesigenza di non spendere troppo a dare la sensazione che manchi qualcosa quando si arriva al dunque, a quel momento in cui scatenare il genere, che sia erotico, horror o misterioso, capace di farci prendere dalla storia e appassionare ai personaggi.

Gli interpreti fanno quel che possono, anche loro spingendo su quella sottrazione di chi vuole fermamente (e giustamente) non sembrare un attore italiano; ma rischiano spesso di finire in una zona grigia, di mezzo, lontana s dalle smorfie della commedia dellarte ma pericolosamente vicina allatonia.

16/11/2018, 11:26

Stefano Amadio