I Viaggi di Robi

COSA FAI A CAPODANNO? - La sfortuna di una festa eccezionale


A Capodanno tutti in montagna. La strada che porta lontano dai Cinepanettoni tortuosa e sempre difficile. Filippo Bologna, al debutto, mischia generi e citazioni, scrivendo da solo una sceneggiatura piena di elementi eccezionali. Un cast ricco con Luca Argentero, Alessandro Haber, Ilenia Pastorelli, Vittoria Puccini, Isabella Ferrari, Arianna Ninchi, Sidy Diop, Riccardo Scamarcio e Valentina Lodovini In sala da gioved 15 con Vision Distribution


COSA FAI A CAPODANNO? - La sfortuna di una festa eccezionale
Luca Argentero e Ilenia Pastorelli
Un capodanno tra sconosciuti a base di aragoste, ostriche, champagne e sesso tra sconosciuti.
Parte cos, con tanti presupposti eccezionali il film di Filippo Bologna, gi sceneggiatore e al debutto come regista. Un cast che ai bei tempi avrebbe garantito una decina di milioni dincasso con unuscita di tutto rispetto a met novembre in 350 copie.

Ma non ci saranno le ostriche, lo champagne e soprattutto il sesso. Infatti la fantastica serata, tra equivoci, fraintendimenti, cellulari che funzionano a intermittenza lannunciato scambio di vite e, soprattutto di coppie, rimarr sulla carta, lasciando lo spettatore ad assistere a qualcosa che ricorda pi o meno da lontano una ventina di altri film.

Raccontare "Cosa fai a Capodanno?" difficile perch manca di conseguenzialit nelle azioni; i personaggi parlano, si scontrano e si incontrano, le cose capitano non si sa bene perch ma sempre in una dimensione eccezionale. I ladri nella baita, il padrone di casa di colore, la padrona con un grave limite, un ospite sulla sedia a rotelle, una donna incinta, madre e figlio che vogliono rubare un oggetto proprio a capodanno, unaltra coppia che si ferisce seriamente e finisce allospedale, il catering che si perde tra le nevi col furgoncino pieno di aragoste. Il tutto in previsione di una grande, memorabile, orgia. Ogni cosa eccezionale come solo sulla carta si riesce a inventare: e infatti l rimane.

La mancanza di empatia e di credibilit la logica conseguenza di tutta questa esplosione di fantasia che basterebbe per altri 6 film. Solo Ilenia Pastorelli, grazie alla sua personalit, riesce ad emergere, lei pi del personaggio. Gli altri recitano, montano caratteri poco credibili, anche questi su elementi non del tutto originali.

12/11/2018, 16:47

Stefano Amadio