OFF - Ortigia Film festival
I viaggi di Roby

UN AMORE COSÌ GRANDE - La passione per la lirica e per una ragazza


Ambientata a Verona, l'opera prima di Cristian De Mattheis, racconta la scalata di un giovane tenore verso il successo. Una strada lastricata di dubbi e di ricordi che ostacolano il suo cammino e la vita. Con la partecipazione de "Il Volo". Con Giuseppe Maggio e Francesca Loy nei ruoli principali, e le partecipazioni di Franco Castellano, Fioretta Mari, Eleonora Brown, Daniela Giordano, Riccardo Polizzy Carbonelli. In sala dal 20 con Medusa


UN AMORE COSÌ GRANDE - La passione per la lirica e per una ragazza
Giuseppe Maggio e Francesca Loy
È il cinema “non romano” quello che apre la stagione 18-19, subito dopo Venezia con uscita il 20 settembre. "Un amore così Grande", diretto da Cristian De Mattheis e distribuito da Medusa, ha come tema portante la lirica e l’amore per il bel canto e per i sentimenti.

Un ragazzo che vive in Russia perde la madre italiana e torna a Verona alla ricerca del padre, portando con se un segreto ma anche un’importante eredità dei genitori, una voce talentuosa per l’opera. Tutto potrebbe andare per il meglio, dall’incontro con il padre liutaio e ben disposto nei suoi confronti a quello con una ragazza benestante con cui nasce una storia sincera. Ma sono i ricordi, sempre legati alla musica e alle arie più famose della lirica, che frenano le sue possibilità, allontanandolo dai rapporti umani e professionali e rendendolo fragile e scostante.

"Un Amore così Grande" ha il merito di parlare di un argomento tanto caro all’Italia e poco sfruttato dal cinema, ma si limita a un racconto prevedibile sia nelle azioni sia nei dialoghi con un doppio finale a sorpresa che prova a colpire quando è ormai troppo tardi.

De Mattheis gira bene, e cerca spesso di dimostrarlo, ma inciampa in quello che è da sempre un limite per la lirica nel cinema, quel doppiaggio che troppo spesso, per la difficoltà della recitazione e del sinc, fa perdere credibilità alle sequenze cantate.

Buona la fotografia di Giovanni Mammolotti che negli interni riesce a dare un certo calore alle inquadrature e un tratto ricco e originale.

12/09/2018, 15:08

Stefano Amadio