I Viaggi di Robi

PUOI BACIARE LO SPOSO - Tutti favorevoli... anzi no


Il nuovo film diretto da Alessandro Genovesi affronta il tema del matrimonio omosessuale. ma l'ostacolo non arriva dalla societ ma all'interno della famiglia, sempre presente e spesso pressante. Con Diego Abatantuono, Monica Guerritore, Cristiano Caccamo, Salvatore Esposito, Dino Abbrescia e Diana Del Bufalo. In sala con Medusa in 400 copie dal 1 marzo


PUOI BACIARE LO SPOSO - Tutti favorevoli... anzi no
Il cast di "Puoi Baciare lo Sposo" dal 1 marzo al cinema
E un film molto scritto questo di Alessandro Genovesi. O meglio, molto costruito in fase di sceneggiatura dal regista insieme a Giovanni Bognetti, con i dialoghi, le scene e i personaggi che sembrano lasciare niente al caso. Un meccanismo quasi perfetto che porta dritto a un epilogo quanto mai prevedibile.

Di film in cui due ragazzi gay che stanno insieme e vogliono, o devono, sposarsi ne abbiamo visti parecchi e "Puoi baciare lo Sposo" non esce troppo dai binari di un bisogno di trasgressione dei temi e di conservazione dei sentimenti, di voglia di affermare la propria diversit e di irrinunciabile esigenza di tradizioni, come la famiglia, mamm e pap, i testimoni, il pranzo di nozze, il matrimonio.

S proprio la famiglia italiana sembra ormai lultimo, pi alto ostacolo da superare per affermare se stessi e, nel caso, la propria omosessualit, ottenendo ci che spetta per diritto e anche per legge. Ma non c niente da fare, partendo da una vita libera nellaperta, e soprattutto lontana, Berlino impossibile non ricadere nella trappola del benestare di mamm e pap, in una societ, spesso meridionale, che impone ai giovani bamboccioni di vivere secondo le regole. Dunque pap contrario (Diego Abatantuono), mamma (Monica Guerritore) fissata con la cerimonia di nozze, e poi anche la mamm dello sposo (Rosaria DUrso) a dir un s poco convinto per amore del figlio; di fronte, una societ civile che sembra aver sospeso il giudizio almeno fin quando il problema non compare in casa propria.

E allora sia il frate (Antonio Catania), sia i preoccupati assessori, sia gli amici sembrano tutti felici e contenti che Paolo (Salvatore Esposito) e Antonio (Cristiano Caccamo) convolino a nozze.

E qui arriva la sceneggiatura precisa e senza sbavature, ma anche priva di colpi di scena, perch forse ci vuole coraggio per trasgredire nella scrittura di una storia gi trasgressiva nel contenuto, almeno nelle intenzioni. E infatti alla penna di Veronesi e Bognetti sembra essere finito linchiostro quando era il momento di inventare una svolta, una novit capace di rendere amara una commedia prevedibile, tra non detti e origliate, salvata soltanto dalla ritrosia e da qualche intervento di Diego Abatantuono.

E anche gli interpreti sembrano perfetti, bravi ma puliti e stirati come in un film; gay ma trasparenti e belli di mamm come Esposito e Caccamo, comprensivi e intransigenti come la monocorde Monica Guerritore, sempre seria e drammatica neanche le fosse morto il gatto.
Svampita e simpatica Diana Del Bufalo, trasgressivo ma in fondo inoffensivo il personaggio di Dino Abbrescia, petulante e ossessiva lex di turno di Beatrice Arnera, saggio e moderno il frate di Antonio Catania che strizza locchio a Papa Francesco.
E poi c linfelice Diego Abatantuono che con qualcuna delle sue battute rialza il livello di una commedia che sembra guardarci negli occhi per farci la morale sullomosessualit senza rendersi conto di essere essa stessa moralista e antica sullidea dei rapporti familiari.

27/02/2018, 16:57

Stefano Amadio