Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

I FIGLI DELLA NOTTE - Ricchezza, adolescenza e genitori assenti


Esce il 31 maggio il film d'esordio di Andrea De Sica. Dopo il Tff e il Bif&st, i ragazzi ricchi ma quasi abbandonati dai genitori, saranno in sala distribuiti da 01. Un collegio, l'adolescenza e la scoperta dell'amore per una storia che dal noir finisce nel thriller con qualche traccia di soprannaturale. Con Vincenzo Crea (Giulio), Ludovico Succio (Edoardo), Fabrizio Rongione (Mathias), Yuliia Sobol (Elena)


I FIGLI DELLA NOTTE - Ricchezza, adolescenza e genitori assenti
"I figli della Notte" di Andrea De Sica
Andrea De Sica, figlio di Manuel e nipote di Vittorio si presenta come regista con un film di genere sulladolescenza.
Simmetria nelle inquadrature, fotografia calda e curata, recitazione a sottrarre, ambientazione raffinata e originale fanno di "I Figli della Notte" un film di qualit estetica e tecnica.
Il film parte da un soggetto interessante: un collegio maschile per ricchi dirigenti del futuro dove gli studenti, tutti maschi, sono isolati dal mondo esterno ma lasciati liberi, nei limiti, di trasgredire in vista di una vita dove evidentemente saper aggirare gli ostacoli con la furbizia importante come una lezione di economia.

Dunque, tra i ragazzi pi furbi (dal latino fur-furis, ladro, stessa radice di furto) escono nella notte e vanno a raggiungere una casa di appuntamenti sperduta tra le nevi delle alpi. Qui la storia si complica ma si perde anche, sfuggendo di mano agli sceneggiatori (Andrea De Sica, Mariano Di Nardo con la collaborazione di Gloria Malatesta) e perdendo di forza nei risvolti e nelle soluzioni.

Il film, che prova a raccontare ladolescenza, lamicizia, e il rapporto con i genitori assenti, usa un genere tra il noir e il thriller, con qualche apparizione ultraterrena e alcune presenze che incidono poco dal punto di vista della suspance e troppo sugli esiti dei personaggi.

"I Figli della Notte" ben fatto ma stenta a decollare, con le storie dei due personaggi principali che arrivano allepilogo senza la giusta costruzione. Forse per timore di affondare il piede sul pedale del genere, De Sica rimane sospeso tra un noir di classe e una sceneggiatura che non trova la sua strada, tra levidente cinefilia e la difficolt di trovare i contenuti ideali per affascinare del tutto lo spettatore.

12/05/2017, 18:00

Stefano Amadio