Sudestival
I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

DOC/IT AWARDS 2017 - I vincitori


Il Premio Regia - Miglior Documentario dellanno va a "Liberami" di Federica Di Giacomo.


DOC/IT AWARDS 2017 - I vincitori
Doc/it - Associazione Documentaristi Italiani chiama a raccolta il mondo del documentario per annunciare i vincitori della VII edizione del Doc/it Professional Award.

Novit di questa edizione, frutto della sinergia con Roma Lazio Film Commission, lattribuzione di un premio di categoria alle professioni che maggiormente contribuiscono a comporre unopera documentaria: regia, scrittura, fotografia, montaggio, produzione e territorio del Lazio.

Sei i documentari premiati: "Liberami" di Federica Di Giacomo per il Premio Regia Miglior Documentario dellAnno, "Ciao amore, vado a combattere" di Simone Manetti per il Premio Scrittura, "I Ricordi del Fiume" di Gianluca e Massimiliano De Serio per il Premio Direttore alla Fotografia, "Vergot" di Cecilia Bozza Wolf per il Premio Montaggio, "I Cormorani" di Fabio Bobbio per il Premio Produzione, Castro di Paolo Civati per il Premio Territorio del Lazio.

Le Cinquine e i relativi vincitori sono stati selezionati a partire dai 20 documentari individuati tra gli 81 iscritti al Premio, da un comitato composto da chi stato premiato o nominato nelle passate edizioni del premio.

Ogni categoria ha avuto la sua giuria composta da professionisti del settore, in particolare il Premio Regia Miglior Documentario dellAnno stato selezionato da una Academy composta da pi di 70 professionisti fra autori, produttori, direttori di festival, critici e tecnici: tutte le giurie hanno avuto modo di visionare i titoli in concorso in streaming video tramite la piattaforma ITALIANDOC - unica directory del documentario italiano, ed esprimere il proprio voto.

"Liberami" di Federica Di Giacomo vince il Premio Regia Miglior Documentario dellanno del valore di 1000 euro, a cui si aggiunge il Premio offerto da AAMOD - Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, che d diritto allutilizzo di 3 minuti di repertorio.
"Liberami" stato prodotto da Mir Cinematografica, Opera Film, in collaborazione con Rai Cinema, France 3 Cinema.

"Ciao amore, vado a combattere" di Simone Manetti, prodotto da Meproducodasolo, vince il Premio Scrittura del valore di 500 euro offerto dallAssociazione dellAutorialit Cinetelevisiva 100autori. Questa la motivazione della Giuria 100autori composta da Cosimo Calamini, Daniele Cini ed Elisabetta Lodoli: un film dove la struttura e la realt viaggiano allunisono, dove gli autori hanno saputo dosare epica e verit, tratteggiando un personaggio duro e poetico, fragile e intenso: il racconto ben tracciato di un'inconsueta antieroina.

"I Ricordi del Fiume" di Gianluca e Massimiliano De Serio, prodotto da La Sarraz Pictures in collaborazione con Rai Cinema vince il Premio Direttore della Fotografia del valore di 500 euro insieme al Premio offerto da Margutta Digital International che d diritto alla Color Correction del film successivo realizzato dai premiati. La Giuria della categoria composta da Valerio Azzali, Roberto Beani e Paolo Ferrari ha espresso la seguente motivazione per il lavoro di Gianluca e Massimiliano De Serio: un film che riesce a descrivere con lucidit e visione una delle pi sofferte situazioni del disagio contemporaneo. La luce e il racconto per immagini riescono a unire due elementi in contrasto fra loro: etica ed estetica.
Il film riesce a trasportarci allinterno di un mondo molto complesso senza rinunciare alluso della luce e dellinquadratura nonostante i limiti imposti dal soggetto e dal luogo.
Un riuscito compromesso visivo di grande intensit fra esigenza documentaria e rappresentazione.

"Vergot" di Cecilia Bozza Wolf, prodotto da ZeLIG vince il Premio Montaggio del valore di 500 euro. La Giuria composta da Esmeralda Calabria, Sara Fgaier e Sara Zavarise conferisce il premio al montatore Pierpaolo Filomeno per la capacit di intessere un racconto che progressivamente entra sempre pi in profondit nelle vicende umane della famiglia e del contesto in cui vive.
Grazie ad un montaggio narrativo attento a delineare i personaggi e guidare l'emozione, riesce ad osare nello stare con i protagonisti oltre il limite del 'giusto', creando ancor pi immedesimazione nella storia e restituendo al tempo stesso pi verit alla narrazione.

"I Cormorani" di Fabio Bobbio, prodotto da Strani Film in collaborazione con Officina Film vince il Premio Produzione del valore di 500 euro, a cui si aggiunge il Premio offerto da Cinecitt Luce che d diritto allutilizzo di 3 minuti Full Rights Europa a tariffa Doc/it. La Giuria composta Rino Sciarretta, Federico Schiavi e Nadia Trevisan conferisce il premio a I cormorani con la seguente motivazione: unopera prima sensibile e sincera e con un efficace impianto produttivo che ha reso possibile la realizzazione di un film coinvolgente sull'adolescenza.

Infine "Castro" di Paolo Civati, prodotto da Tangram Film vince il Premio legato al Territorio del Lazio conferito da Roma Lazio Film Commission del valore di 500 euro. Della Giuria hanno fatto parte: il Presidente Luciano Sovena, Tina Bianchi e Cristina Priarone.
Lopera "Castro" si distinta per lidea originale di raccontare la storia di uno sgombero annunciato senza mai mostrare la violenza, senza concessioni alle formule dellinchiesta o della denuncia.
Uno sguardo sul territorio di Roma che viene posto su un rifugio per gli esclusi, allinterno del quartiere San Giovanni, nel centro di una citt che tende sempre pi a isolare al di fuori di essa, nelle sue periferie queste realt. Una realt con le proprie caratteristiche culturali e sociali che ricevono limpronta di un luogo nascosto alla grande citt, dove la complessit della Capitale prende luce.

27/04/2017, 12:32

Video del giorno