Sudestival
I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

Note di regia di "Paradiso"


Note di regia di
La cosa bella del cinema documentario, del cinema della realt come viene giustamente chiamato, che obbliga il regista ad aprire gli occhi, a guardare con attenzione: un gesto tanto semplice quanto spesso negletto, almeno nel senso profondo del significato Vale a dire prendere coscienza e lasciarsi sorprendere dalla realt che si ha di fronte!
quello che ho cercato di fare con PARADISO E la sorpresa, e lemozione, di trovarsi di fronte a una suora che ha consacrato la sua vita agli altri e che in giovent voleva fare la modella ispirandosi a Naomi Campbell; a un militare dellesercito degli Stati Uniti dAmerica che presiedendo la Corte Marziale non voleva, e non poteva, rinunciare a quel sentimento di misericordia di fronte allessere umano che doveva giudicare; a un giovane che non pensa a un Paradiso futuro, ma a un mondo Paradiso, qui e ora; a una anziana donna del Gabon che quando parla sembra di ascoltare un Gospel (senza musica, ma come se ci fosse!); a una coppia di giovani arabe mussulmane che, stagliate contro la sagoma della cupola di San Pietro, evocano un Dio unico per tutte le religioni: cristiana, mussulmana o ebraica; alle lacrime di una bellissima ragazza russa, arrivata a Roma da sola per festeggiare la notte di Natale in Piazza San Pietro, travolta dallemozione perch finalmente qualcuno le ha chiesto di parlare della sua vita pi intima e vera invece che di lavoro e successo Ecco la sorpresa e lemozione di trovarmi di fronte a questi esseri umani stata davvero molto forte!

Stefano Consiglio

Video del giorno