I Viaggi di Robi

SOLO - La nuova serie in 4 puntate su Canale 5


Michele Alhaique fa un viaggio nella mente dellinfiltrato per scoprire la ndrangheta. Con marco Bocci, Peppino Mazzotta, Diane Fleri


SOLO - La nuova serie in 4 puntate su Canale 5
Marco Bocci protagonista di "Solo" diretto da Michele Alhaique
Abbiamo cercato di creare una serie che rappresentasse per quello che si pu, dinamiche pi verosimili e credibili, non rappresentando degli eroi positivi e basta, ma degli esseri umani, con paure ed incertezze, che si impegnano fino alla morte. Cos Marco Bocci, attore protagonista descrive Solo, il nuovo lavoro del regista Michele Alhaique ed ispirato ad una storia vera come conferma il produttore Pietro Valsecchi.

Al cento di questa mini-serie c la ndrangheta e i suoi loschi affari: traffico darmi, estorsioni, omicidi e narcotraffico. Raccontato da un punto di vista diverso dagli ultimi format confezionati, infatti, il protagonista Marco, un agente infiltrato della Sco, che dopo aver salvato la di un esponente della ndrangheta di Gioia Tauro, si trova a lavorare a stretto contatto con i Corona, una delle cosche pi influenti della Calabria.

Un vero e proprio poliziesco, lontano dal genere crime di Suburra, Gomorra o dai lavori di Martin Scorsese, come afferma lo stesso regista. Un racconto a tutto tondo che riesce non solo a denunciare i loschi giri di una realt poco conosciuta come la ndragheta, le sue violenze e il codice d'onore dei sui clan, ma che mette a nudo limpostazione dellorganizzazione stessa, fin dalle sue fondamenta.
Riesce, oltretutto, a dare un certo spessore anche alla figura della donna, per mezzo del personaggio di Agata, che dalla tipica Sorella di omert (il titolo assegnato al sesso femminile), si trasforma in una ribelle di ventanni che non ci sta a vivere rinchiusa in casa, in silenzio e ad occhi bassi.

Lisolamento dellinfiltrato, il dover sempre fingere, essere pronti a scendere a patti addirittura con i propri principi per continuare a vivere e non destare sospetti, quello che pi si evince da questo avvincente poliziesco. Solo non solo il titolo, ma la vera e propria condizione del protagonista volevo fare un racconto sullindividualit afferma Alhaique raccontare un eroe positivo, ma che nasconde dietro di s tanti conflitti. Un personaggio che si sviluppa su due mondi: il mondo criminale e il mondo interiore, dove pi si avvicina al primo, tanto pi si distrugge il secondo.

Introspezione psicologica di personaggi raccontati nei minimi particolari e tempi perfetti tra i momenti di stallo e quelli di azione permettono di seguire facilmente il lavoro prodotto, senza stancare o annoiare e che a detta del regista Alhaique: Diventer sempre pi avvincente, sar sempre pi in crescendo, ogni puntata avr un qualcosa in pi dellaltra.

Ognuno nel proprio campo cerca di fare il proprio per migliorare lItalia e noi come produttori cerchiamo nel nostro campo di fare storie raccontando qualcosa di importante dice il produttore della Taodue Pietro Valsecchi quando gli si chiede unanalisi sulla nostra realt, e chiss che con questo lavoro non ci sia pi un Solo a combattere il marcio che la nostra societ nasconde.

08/11/2016, 09:06

Alfredo Toriello