Meno di 30
I Viaggi di Robi

VENEZIA 73 - "Le Ultime Cose" finiscono al Banco


Oro, pellicce, gioielli, i simboli di un benessere al tramonto finiscono al Monte dei pegni nel film di Irene Dionisio. Un racconto amaro che rimane aperto


VENEZIA 73 -
Fabrizio Falco in "Le Ultime Cose" di Irene Dionisio
Raccontare la crisi attraverso la perdita di quegli oggetti che avevano segnato il benessere. Un banco dei pegni, un gruppo di strozzini in agguato sul marciapiede e una serie di poveri cristi, arrivati a un capolinea che forse non solo il loro ma quello di uno stile di vita.

L'opera prima di Irene Dionisio una messa in scena dall'aspetto crudo e freddo, quasi documentaristico, ma con personaggi costruiti in maniera curata intorno a un gruppo di attori misurati e mai sopra le righe.

"Le Ultime cose" potrebbe assomigliare a quei film italiani della seconda met degli anni 50, da "Il Bidone" di Federico Fellini a "I magliari" di Francesco Rosi, film che raccontavano la fine di un periodo buio con la luce del benessere che appariva in fondo al tunnel ma dove la ricchezza era cercata e trovata senza alcuna piet, attraverso metodi poco legali.

Nel film della Dionisio la situazione storica ribaltata ma i metodi sembrano essere gli stessi; lo stile del racconto per assume un'amarezza di fondo che la sospensione delle storie, e l'assenza del finale, rende ancora pi spietata.

Il limite del film , come spesso accade nelle opere prime, una certa propensione a non spingere sull'acceleratore quando la storia lo permetterebbe, lasciando il dubbio che pi che di ricerca di oggettivit si tratti di insicurezza. Ma ci sta, in un'opera prima complicata dove di certo gli attori sono ben diretti e la regia non incappa in alcun errore degno di nota.

02/09/2016, 17:31

Stefano Amadio