Sudestival 2020

LOCARNO 69 - "La Natura delle Cose", l'essenza della vita


Il documentario stato presentato al Festival del Film di Locarno fuori concorso


LOCARNO 69 -
Angelo Santagostino malato di SLA. Lo sa dal 2008 e oggi paralizzato quasi completamente, comunica con il mondo sempre pi a fatica grazie a un lettore ottico con cui digita i suoi pensieri su uno schermo: ma i suoi occhi stanno peggiorando e presto non avr pi nemmeno questo mezzo. Le sue giornate sono scandite dall'assistenza costante di personale specializzato, e da enormi e millimetriche conquiste.

La regista ha conosciuto Angelo solo nel 2013, quando gi era molto malato, e insieme hanno deciso di raccontare la sua vita e la sua condizione, la sua intera storia (dal passato ecclesiastico all'amore di una vita, dalla scomparsa prematura di lei alla voglia di poter decidere come e quando concludere la propria esistenza).

un lavoro pi da ascoltare che da vedere, "La Natura delle Cose". Non perch le immagini assemblate dalla regista Laura Viezzioli non siano convincenti, tutt'altro. Lo sono quelle casalinghe del protagonista, i dettagli del suo quotidiano, le scelte dei Super8 dal repertorio di Home Movies e le sperimentazioni visive.
Ma ancor di pi rendono completa l'esperienza, e indimenticabile il racconto, il ticchettio delle lettere che compongono sullo schermo i messaggi di Angelo al mondo, i rumori nel silenzio dei suoi assistenti, per vestirlo, lavarlo, spostarlo, nutrirlo. E la voce di Roberto Citran a interpretare Angelo, e la colonna sonora, che ogni tanto appare e riesce a far viaggiare la mente in quello spazio "libero" che la mente, anche in un corpo bloccato irreversibilmente.

Realizzato con il sostegno del Milano Film Network, "La Natura delle Cose" prodotto da LADOC srl e Associazione "i Bicchieri di Pandora", in collaborazione con Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia.

22/08/2016, 19:12

Carlo Griseri