Sudestival 2020

Dal 25 al 27 maggio a Roma la rassegna Remix


Dal 25 al 27 maggio a Roma la rassegna Remix
Si tiene dal 25 al 27 maggio, presso il cinema KINO di Roma (Via Perugia, 34) la rassegna REMIX, progetto concepito dal cinema nel quartiere Pigneto e dal Consiglio Nazionale delle Ricerche DSU (Dipartimento Scienze Umane e Sociali, Patrimonio Culturale), evento cinematografico che, nell'intento degli organizzatori, vuole coniugare racconto cinematografico e approccio scientifico per affrontare una realt sfaccettata come quella delle migrazioni e della convivenza. Tre i film attorno ai quali ruotano proiezioni e incontri della rassegna: "Space Metropoliz", di Giorgio De Finis e Fabrizio Boni, "Dustur", di Marco Santarelli e "Loro di Napoli", di Pierfrancesco Li Donni. Tre documentari che si tramutano in tre giornate di studio sul tema dellintegrazione degli stranieri in Italia, affrontandone aspetti diversi, dal diritto allo sport allarte come strumenti di dialogo e di inclusione. Ogni proiezione sar accompagnata da un incontro tra gli autori dei documentari e i ricercatori del CNR. "Perch una cultura delle migrazioni" - sottolinea Maria Eugenia Cadeddu, primo ricercatore CNR - "si costruisce non solo con studi e dati, ma anche attraverso il racconto di storie, incontri, esperienze di quotidiana convivenza". REMIX prevede un biglietto di 10 euro per l'intera rassegna, mentre l'entrata gratuita per tutte le proiezioni per i minori di 26 anni.

Mercoled 25 maggio, alle ore 20:30 la proiezione di "Space Metropoliz", del regista, antropologo e fondatore del MAAM Museo dell'Altro e dell'Altrove, Giorgio De Finis e del regista Fabrizio Boni e a seguire incontro con i due registi e con Cristina Marras, ricercatore del CNR. Alle ore 22:30 la replica del film. Space Metropoliz, gi vincitore del Premio come Miglior Documentario al FestArte Videoart Festival, una storia di fantascienza, ma anche una storia di convivenza, di condivisione e di impegno politico. la storia di unoccupazione e di una provocazione artistica, di unastronave e di un museo. Metropoliz una ex-fabbrica di salami abbandonata alla periferia di Roma, dove un gruppo di Italiani, Tunisini, Peruviani, Ucraini, Africani e Rom un giorno rompe il lucchetto del cancello della vecchia fabbrica e decide di trasformare quel posto nella loro casa. Ristrutturano, riparano, organizzano e abitano quello spazio, cercando di farne un luogo dove condurre una vita decorosa.

Gioved 26 maggio, sempre alle ore 20:30 la proiezione di "Dustur", di Marco Santarelli e a seguire incontro con il regista, che ne ha curato anche sceneggiatura, fotografia e montaggio, e con Marco Accorinti, ricercatore del CNR. Il film viene replicato alle ore 22:30. Dustur, vincitore, tra gli altri, di tre premi al Torino Film Festival e del Prix des Jeunes al festival parigino Cinma du Rel, un documentario girato nella biblioteca del carcere di Bologna, dove un gruppo di detenuti musulmani partecipa a un corso organizzato da insegnanti e volontari sulla Costituzione italiana. Un giovane arabo in attesa del fine pena alle prese con gli inverni e le primavere della libert e un futuro tutto da scrivere. Un viaggio dentro e fuori il carcere, per raccontare illusione e speranza di chi ha sognato e continua a sognare un mondo pi giusto.

Venerd 27 maggio alle ore 20:30 proiezione di "Loro di Napoli", di Pierfrancesco Li Donni e a seguire incontro con il regista e con Mattia Vitiello, ricercatore del CNR. Alle 22:30, la replica. Il documentario, presentato lo scorso anno al Festival dei Popoli, dove ha vinto il Premio Cinemaitaliano.info - CG Entertaiment e vincitore, tra l'altro, del Telerama Prize al Festival di Biarritz, racconta dell'Afro-Napoli United, una squadra di calcio di migranti partenopei provenienti dall'Africa e dal Sud America, composta da italiani di seconda generazione e napoletani. Giocano tornei amatoriali nei campi della periferia nord di Napoli e vincono. Sempre. Cinque anni dopo il sogno di Antonio, il presidente e fondatore dell'Afro-Napoli, quello di portare i suoi ragazzi a calcare i campi dei campionati Figc. Ed proprio allora che il progetto si scontra con il muro di gomma della burocrazia sportiva e delle leggi italiane.

Sar parte del progetto REMIX anche un evento speciale, che si terr a settembre nella sede centrale del CNR a Roma, con la proiezione del film "Fuocoammare" di Gianfranco Rosi, vincitore del Festival di Berlino 2016.

Il cinema Kino ha creato in cinque anni un marchio riconosciuto nella diffusione della cultura audiovisiva, riferimento del cinema di qualit a livello nazionale ed europeo. Il DSU del CNR da molti anni istituzione di riferimento nei migration studies e svolge il ruolo di National Contact Point italiano dell'European Migration Network (EMN), su incarico del Ministero dell'Interno. Lintenzione dei due partner di fare di questo progetto linizio di una collaborazione pi ampia e che prosegua nel tempo, per lavorare insieme sulla relazione tra i fenomeni di migrazione e la loro rappresentazione audiovisiva. Una delle ragioni specifiche della collaborazione tra una realt che si occupa principalmente di diffusione della cultura cinematografica (KINO) e lente di ricerca pi importante sul territorio nazionale (CNR), quello di osservare, verificare e discutere le forme e i modi attraverso i quali le migrazioni vengono raccontate e mostrate nella contemporaneit. Diventa necessario affiancare alle reazioni emotive legate alle proiezioni, anche il supporto di un punto di vista rigoroso, di chi studia, analizza ed elabora dati con metodi condivisi, avendo come obiettivo primario l'avanzamento della conoscenza. Per questo i ricercatori sono stati coinvolti attivamente fin dalle fasi iniziali della progettazione delliniziativa, nella convinzione che lincontro tra KINO e CNR possa produrre risultati positivi e inediti e, altres, raggiungere un pubblico molto ampio.

18/05/2016, 21:32