Meno di 30
I Viaggi di Robi

SMOKINGS - L'epopea dei fratelli Messina


SMOKINGS - L'epopea dei fratelli Messina
Una scena del documentario "Smokings"
Carlo e Gianpaolo Messina sono due fratelli sono due fratelli molti singolari. Proprietari della Yesmoke, una piccola fabbrica di sigarette di Settimo Torinese, hanno deciso da anni di lottare contro le grandi major del tabacco mondiale intraprendendo una battaglia contro la globalizzazione, citando in giudizio anche lo Stato Italiano. A seguire le loro vicende ci ha pensato Michele Fornasero" nel documentario "Smokings", una spy-story, ma anche un opera sul privato di due personaggi fuori dagli schemi.

L'epopea dei fratelli Messina descritta con toni quasi "noir", lasciando allo spettatore qualunque giudizio etico. Fornasero non si schiera, ma riesce lucidamente a descrivere la vicenda, inizialmente con un montaggio serrato che ci presenta il contesto globale della storia per, poi, addentrarsi nel lato pi umano dei personaggi. Carlo e Gianpaolo sembrano due "visionari", ma in realt hanno la consapevolezza che le loro battaglie li stanno portando alla notoriet, a creare un business sempre pi grande. Sullo sfondo rimane comunque il problema dell'uso indiscriminato del tabacco: sia le multinazionali che la Yesmoke commercializzano un prodotto che ogni anno miete vittime in tutto il Mondo, ma che non sente risentire minimamente della crisi. Sta tutto qui il paradosso della storia: da un lato i paladini della giustizia, come vogliono sembrare con le loro battaglie i due fratelli, dall'altra le odiate e senza scrupoli multinazionali, come vengono descritte, ma alla fine da entrambe le parti vi un giro di soldi pazzesco a scapito della vita umana. I Messina sono quasi uno specchio del nostro paese, simboli della creativit e della genialit italiana, ma anche pieni di lati oscuri e di scheletri nell'armadio.

"Smokings" un documentario ben costruito e montato, che si avvale della splendida fotografia di Paolo Ferrari, maestro del digitale al Centro Sperimentale di Roma, una fotografia dai toni foschi come tutta la vicenda raccontata. Il film funziona, cattura lo spettatore, che non aspetta altro di sapere il finale della storia, un finale che per aperto a qualsiasi tipo di interpretazione e di evento futuro...

26/07/2015, 19:15

Simone Pinchiorri