Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

BAROLO BOYS - Rivoluzionari vignaioli


Paolo Casalis e Tiziano Gaia raccontano la storia di un gruppo di ragazzi che ha rivoluzionato il mondo del vino


BAROLO BOYS - Rivoluzionari vignaioli
Una storia cos unica e coinvolgente a due passi da casa: questa la motivazione principale confidata dai registi Paolo Casalis e Tiziano Gaia per cui nata l'avventura del loro documentario "Barolo Boys. Storia di una rivoluzione".

L'ambientazione sono le Langhe, nel Piemonte meridionale. La cronologia dice: estate 1986. Qui, a poche settimane dallo scandalo del metanolo che aveva messo in pericolo il mercato enologico italiano, un gruppo di ragazzi reagisce allo status quo centenario di una tradizione e sovverte le regole della produzione e della commercializzazione del Barolo.

Basta con l'invecchiamento come sempre stato, basta con il dar via il vino a fatica perch non lo si riesce a comunicare: nuovo corso, nuova "tradizione", stacco netto con la generazione dei padri (alcuni di loro sono stati diseredati, tutti quanti inizialmente vilipesi) e un successo tanto rapido e mondiale quanto inatteso: del 1990 la definizione del New York Times che li identifica come "Barolo Boys" che hanno saputo conquistare gli States con il loro vino.

I loro volti e le loro storie sono i protagonisti del documentario: in poco pi di un'ora - grazie anche ai ricordi di due personaggi culto nel mondo enogastronomico come Oscar Farinetti e Carlin Petrini, e guidati nel racconto dalla voce di Joe Bastianich - Casalis e Gaia raccontano una storia avvincente e interessante, tassello importante per capire come oggi viene percepito il vino italiano nel mondo e come si arrivati a far celebrare una zona storicamente povera - le Langhe - come una delle eccellenze mondiali.

Presentato a Torino e gi selezionato per diversi festival in Italia e all'estero, "Barolo Boys" a novembre sar protagonista di una attesa tourne statunitense.

02/10/2014, 10:15

Carlo Griseri