Sudestival 2020

Torna a Malazé "La Grande Abbuffata"


Torna a Malazé
Dopo il successo della prima edizione, torna “La Grande Abbuffata”, concorso di cortometraggi a tema enogastronomico. Mercoledì 10 settembre (ore 18,00) nelle Cantine Astroni (via Sartania, 48 a Napoli) verranno presentate opere cinematografiche che esaltano il legame tra il linguaggio delle immagini e il mondo del cibo e dell’enologia. Scopo dell’iniziativa è quello di promuovere, attraverso il cinema, una riflessione sul rapporto dell’uomo con la natura, il territorio e l’ambiente. E anche di evidenziare il potenziale ironico e simbolico, oltre che la funzione sociale e culturale del cibo e del vino nell’immaginario cinematografico.

La giuria tecnica, presieduta dalla regista Antonietta De Lillo, è composta da: Antonio Fiore, critico maccheronico del “Corriere del Mezzogiorno”; Laura Gambacorta, giornalista enogastronomica (“Metropolis”); Marco Lombardi, docente di cinema ed enogastronomia presso le Università “Suor Orsola Benincasa” e “La Sapienza”; Nunzia Schiano, attrice teatrale e cinematografica (“Benvenuti al Sud”, “Reality”). Oltre al vincitore ufficiale, saranno gli spettatori ad assegnare il premio del pubblico messo in palio dalle Cantine Astroni.

La rassegna “La Grande Abbuffata” è curata dal festival internazionale di cortometraggi al femminile A Corto di Donne e si avvale della direzione artistica dello storico del cinema Giuseppe Borrone e della regia tecnica di Maria Di Razza.

I corti selezionati: “Il vicino” di Andrea Canova; “Qualcosa di simile” di Alessandra Pescetta; “America” di Alessandro Stevanon; “Disorder” di Clara Salgado; “Zio Ninuccio” di Noriko Sugiura; “Ehi muso giallo” di Pierluca Di Pasquale; “Il mese di giugno” di Valerio Vestoso.

16/08/2014, 13:12