Meno di 30
I Viaggi di Robi

UNA DONNA PER AMICA - Se la Casta ti gira per casa...


Il nuovo film di Giovanni Veronesi prova a mostrare la situazione in cui tra un uomo e una donna ci sia solo amicizia. Ambientato in una cittadina pugliese, vede interpreti principali Fabio De Luigi e Laetitia Casta. Una "storia" esile per mettere lo spettatore di fronte a una difficile scelta: Casta o Lodovini? De Luigi o Giannini? Finanziato da Apulia FC, Regione Lazio, Tax Credit, Fondo UE e l'interesse culturale del Mibac


UNA DONNA PER AMICA - Se la Casta ti gira per casa...
Laetitia Casta e Fabio De Luigi
La domanda che si pone Giovanni Veronesi : " possibile l'amicizia tra uomo e donna". Ed una domanda mal posta se l'uomo un uomo normale e la donna che gli gira per casa Laetitia Casta. E proprio da questo inizio sbagliato nasce "Una donna per Amica" la nuova commedia sentimentale in sala da gioved in 400 copie.

Seconda stortura il titolo che francamente non svolge affatto un ruolo riassuntivo o di suggerimento, ma riferisce pleonasticamente una situazione in essere. Mentre, eventualmente, "una donna per amico" propone una serie di sottintesi che possono far scaturire decine di ipotesi e situazioni, non c' niente di pi normale e meno stimolante di avere per amica una donna (o per amico un uomo...).

Comunque, la superficialit di questo film non si ferma ai questi primi due aspetti ma prosegue con il cast, suddiviso in interpreti "belli o simpatici" escludendo l'ipotesi cattivo, brutto, antipatico, attore/attrice. E dunque troviamo Fabio De Luigi, Geppi Cucciari, Monica Scattini, Virginia Raffaele interpreti che piacciono e fanno sorridere; Laetitia Casta, Valentina Lodovini, Valeria Solarino, Adriano Giannini, Flavio Montrucchio, Antonia Liskova che piacciono e fanno sognare.
Mischiando il tutto si ottiene un cast cos poco assortito che, a partire dalla domanda del regista riportata all'inizio, ogni situazione ha un sapore improbabile, ogni rapporto pi che tra umani sembra svolgersi tra figure cartonate. E questo anche per il poco spessore dei personaggi descritti in sceneggiatura. Gi, la sceneggiatura...

Non basta affatto ripetere che Fabio De Luigi (e non citiamo il suo personaggio perch Fabio De Luigi sempre Fabio De Luigi) uno stimato avvocato per farlo diventare personaggio. Infatti l'assenza completa di un carattere lo fa essere, oltre al solito bel tenerone, un misterioso oggetto al quale le cose capitano, incapace di scegliere, giudicare e dare una direzione alla propria vita. Un adolescente insomma. Comunque pi maturo del personaggio di Laetitia Casta che si comporta come una bambina di 9 anni, anzi 7. Tra scherzi, capricci, insistenze, lamenti, salti sul divano, amori della vita aperti e chiusi in tre giorni, balletti sulla tavola imbandita, filmini imbarazzanti, furti di biciclette, baci rubati non ne fa una seria, scambiando la maturit per dramma.

Della sceneggiatura di cui si accennava prima, non c' traccia. Cento porte si aprono, nessuna si chiude. Cento eventi accadono senza portare in nessun posto. Cento personaggi si incontrano, di nessuno rimane traccia. Insomma la drammaturgia solo un contorno per i due piatti principali che piaceranno ai palati meno esigenti. Il simpatico e affascinante (chiss perch poi) Fabio De Luigi e la bella ed "esotica" Laetitia Casta.
Tutto il resto botteghino. Anzi finanziamenti pubblici e botteghino.

24/02/2014, 17:11

Stefano Amadio