Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!X

A Trieste il ricordo de "La Grande Guerra"


A Trieste il ricordo de
Al cinema di domenica mattina: unoccasione unica per rivedere sul grande schermo, in occasione del centenario del conflitto, "La Grande Guerra" di Mario Monicelli.

I cento anni della Grande Guerra: da questa ricorrenza importante che si parte domenica 19, al Trieste Film Festival, per programmare una giornata di cinema corredata da un pit stop gastronomico. Si inizia alle 10.45 in Sala Tripcovich con "LA GRANDE GUERRA" di Mario Monicelli. Film straordinario, la storia di una strana coppia di soldati interpretata da Alberto Sordi e Vittorio Gassman, durante la Prima guerra mondiale. Il film venne prodotto da Dino De Laurentiis, vinse il Leone doro alla Mostra del Cinema di Venezia del 1959 ed ebbe un enorme successo di pubblico.

A seguire CINEMA BRUNCH, una novit assoluta del festival triestino: specialit dolci e salate presso il bar della Sala alle 13 (da prenotare presso la segreteria del festival) preparate dal Caff Teatro Verdi.

Nel pomeriggio, ore 15, si continua sul filo della memoria con "I SENTIERI DELLA GLORIA, IN VIAGGIO CON MARIO MONICELLI SUI LUOGHI DELLA GRANDE GUERRA", documentario di Gloria De Antoni del 2005 (Teatro Miela, Sala Video, 42'). Davanti a una moviola Monicelli rivede e commenta i filmati del suo viaggio-pellegrinaggio sui luoghi in cui fu girato nel 1959 il film, in quel Friuli che era stato teatro dei veri combattimenti fra Italiani e Austriaci nel conflitto 15-18. A fare gli onori di casa lo storico-cinefilo-archeologo Carlo Gaberscek, autore con Livio Jacob del volume Il Friuli e il cinema. La grande guerra , diretto da Monicelli a Venzone, Sella Sant'Agnese, Palmanova e Nespoledo di Lestizza dal 25 maggio a met giugno del 1959, seguito con molto interesse dalla stampa locale dell'epoca, un'opera cinematografica ed un evento rimasto sempre vivo nella memoria dei friulani. Un ritorno dunque, 45 anni dopo, e un confronto del regista con i luoghi e la gente che fu coinvolta nella lavorazione del film. Monicelli ripercorre i luoghi del suo film accompagnato e diretto da una friulana, Gloria De Antoni.

Per tutto il periodo del festival, inoltre (17-22 gennaio) presso la Sala Tripcovich sar possibile visitare la mostra "I sentieri della gloria, in viaggio con Mario Monicelli sui luoghi della Grande Guerra" realizzata dalla Cineteca del Friuli. In esposizione 15 immagini scattate nel 1959 sul set del film dal fotografo di scena ufficiale Sergio Strizzi, e dai due fotografi locali, Tino da Udine e Donato Maieron, ed altrettante foto a colori scattate nel luglio 2004 da Ivan Marin durante le riprese del documentario di Gloria De Antoni (ingresso libero).

13/01/2014, 15:58