Meno di 30
I Viaggi di Robi

VENEZIA 70 - Gli inviati RAI raccontano la Mostra


La Rai ha presentato al Lido il quarto capitolo della rassegna di "Dai nostri inviati La Rai racconta la Mostra del Cinema di Venezia", un documentario diretto da Giuseppe Giannotti, Enrico Salvatori e Davide Savelli.


VENEZIA 70 - Gli inviati RAI raccontano la Mostra
"Sogni d'Oro" Leone d'Argento alla Mostra nel 1981
Un modo non solo per raccontare la storia del festival nel decennio 1980-89, attraverso i servizi speciali, le interviste, i protagonisti del red carpet, le cronache dei giornalisti inviati allepoca, il giovane Vincenzo Mollica, Lello Bersani, Marilisa Trombetta e Gianni Raccanelli, ma anche unoccasione per sconoscere fatti di costume, personaggi e storia.

il 1980 sotto la direzione di Carlo Lizzani, appena riconfermato direttore della Mostra, il festival torna a consegnare i Leoni doro dopo la contestazione settantottina. Non mi interessa quello che i cinefili chiamano cinema-cinema, per me essenzialmente un sistema linguistico per raccontare il mondo. E cos il regista di Cronache di poveri amanti, invita grandi nomi del cinema internazionale, tra cui Frank Capra, Jean Luc Godard, Luis Bunuel, Alexander Kluge, Akira Kurosawa, per restituire al festival il prestigio perso nel decennio precedente.

Nellanno successivo Michelangelo Antonioni porta al Lido il suo "Mistero di Oberwald", un film che utilizza, per la prima volta, le tecnologie video della televisione, e un giovane Nanni Moretti sale sul palco per ricevere il Leone dArgento con "Sogni doro", il primo film in 35 mm.

La mia intenzione di creare una mostra degli autori per gli autori, dichiara invece Gianluigi Rondi, che assume la direzione del festival nel 1983 e premia, tra le polemiche, "Prnom Carmen", di Jean Luc Godard.
Loperazione nostalgia prosegue con le sequenze del film di Robert Zemeckis, "Ritorno al futuro" con Michael J. Fox, che segna il debutto del festival nel mondo dei blockbuster americani, mentre le immagini di Giulio Andreotti che consegna il premio alla carriera a Federico Fellini, confermano il rapporto di lunga amicizia tra il Divo e il Maestro.
Dall87 al91 viene chiamato alla Mostra il critico Guglielmo Biraghi che dichiara di preferire le mostre snelle. Io non so se i festival affollati possano servire al cinema, ma certo non servono ai singoli film. E cos durante la sua gestione, il festival lancia talenti come Almodvar, Kieslowski e Reitz, premia autori come Ermanno Olmi, che nel 1988 conquista il Leone dOro con il film "La leggenda del santo bevitore".

E quando nelledizione del 1989, il cinema sembra farsi sempre pi piccolo e la televisione pi invadente, Biraghi propone film scomodi su tematiche nuove e difficili come la sessualit pagana nel film greco "Mi ami?" di Panoussopoulos e lincomunicabilit tra generazioni in "Che ora " di Ettore Scola.
Ma la vera novit delledizione che chiude il documentario la conquista del Leone dOro, del regista tailandese Hou Xiaoxian, che con "Citt dolente" fa scoprire la cinematografia asiatica al grande pubblico e agli addetti ai lavori.

05/09/2013, 16:20

Monica Straniero