Meno di 30
I Viaggi di Robi

NERO INFINITO - Un killer, due poliziotti, una scrittrice


Ci vuole coraggio a mettersi in competizione in un genere che la tv made in USA sta sfruttando con i migliori professionisti a disposizione. Il giallo, il poliziesco, il thriller e l'horror funzionano sempre ma devono essere originali e approfonditi. Al film di Giorgio Bruno, in uscita il 25 maggio, sembra mancare qualcosa. Con Francesca Rettondini, Rosario Petix e i cammei di Enzo G. Castellari, Ruggero Deodato, Claudio Fragasso


NERO INFINITO - Un killer, due poliziotti, una scrittrice
Francesca Rettondini e Rosario Petix
A meno che non si abbia il genio di Quentin Tarantino, dai B-movie italiani degli anni 60-70 meglio prendere solo qualche spunto. Il remake, la citazione, lo stile, l'ispirazione non funzionano, perch gi quei film funzionavano poco allora, con tutta la forza di un cinema professionale, vivo e creativo, immaginiamo oggi, dove di idee ne girano veramente pochissime.

Ed proprio la trasformazione di un'idea, di una comprensibile voglia di fare cinema, in una sceneggiatura degna di questo nome che crea il primo ostacolo quasi insormontabile. Scrivere una storia di ferro fondamentale, specie in un giallo, thriller, horror, perch nulla deve essere lasciato al caso. Perch di serial killer, di poliziotti al limite, di belle ragazze rapite, torturate e uccise, di scrittrici maledette, di cinici imprenditori, ne abbiamo visti a dozzine, al cinema e in tv (dove ultimamente qualit e quantit sono decisamente cresciute...). E dunque proporre la solita storia, con i soliti personaggi, il tutto condito dalla continua ricerca della citazione, del remake, della strizzata d'occhio, dell'amarcord del "buon vecchio cinema italiano" quantomeno un errore in partenza.

In "Nero infinito" non c' azione, non c' suspance, non c' un momento di paura o di orrore; o meglio c', ma realizzato in maniera talmente approssimativa da essere inconsistente. Sembra che tutto sia stato faxato il giorno prima allo spettatore, che fa tana al temuto killer di belle ragazze gi alla seconda scena in cui appare.

La sensazione che nessun aspetto di "Nero infinito" sia stato realizzato con attenzione, compresa la preparazione dei personaggi, i rapporti tra loro e di conseguenza la scelta degli attori e la loro interpretazione.
La voglia di fare cinema spesso cos grande da far dimenticare quegli aspetti meno divertenti che sono per l'ossatura per la riuscita di un buon film.

16/05/2013, 11:31

Stefano Amadio