Napoli Film Festival
I Viaggi di Robi

MIELE - L'eutanasia senza moralismi secondo Valeria Golino


Misura. Sembra essere questa la parola d'ordine della regista alla sua opera prima. Senza sbraitare, senza fiumi di lacrime, senza coinvolgere la societ o il mondo intero, riesce a raccontare con precisione gli stati d'animo umani di fronte alla vita e alla morte. Con Jasmine Trinca e Carlo Cecchi nei ruoli principali, e con Libero de Rienzo, Vinicio Marchioni, Iaia Forte e Roberto De Francesco. In sala da gioved 1 maggio distribuito dalla BIM. A Cannes in "Un Certain Regard"


MIELE - L'eutanasia senza moralismi secondo Valeria Golino
Jasmine Trinca e Carlo Cecchi in "Miele"
una bella sorpresa il debutto alla regia in un lungometraggio di Valeria Golino. L'attrice ha assorbito il meglio dei registi con cui ha lavorato, specie in America, riuscendo ad essere rigorosa e asciutta, mai didascalica o ridondante, affrontando poi un tema difficile come quello dell'eutanasia.

Tratto dal romanzo "A nome tuo" di Mauro Covacich (inizialmente pubblicato come "Vi Perdono" con lo pseudonimo di Angela Del Fabbro), "Miele" non soltanto un racconto dal punto di vista morale, ma una riflessione sulla morte e sugli effetti che questa, in ogni forma, ha sulle nostre vite. Irene (detta Miele) ha perso la madre ancora giovane e cerca di accettarlo aiutando chi ha bisogno a staccare la spina. Forse proprio spedendo dolcemente nell'aldil i suoi "clienti", prova a vendicarsi di quella perdita subita di cui ancora non riuscita a farsi una ragione. Sar l'incontro con qualcuno che arriva a piacerle, e che non considera in modo cos drammatico la morte, che la far riflettere fino a comprendere il senso della sua vita e delle sue azioni.

Carlo Cecchi, nel ruolo del vecchio ingegnere aspirante suicida, magistrale, di una naturalezza che solo i grandissimi attori riescono a mostrare sullo schermo, anche interpretando un personaggio non facile. La protagonista Miele Jasmine Trinca, ermetica e indurita sia dalla morte della madre sia dal segreto mestiere che ha scelto, significativa nella sua espressivit limitata.

Valeria Golino riesce a cogliere nel segno facendo notare anche che non basta essere donne, o giovani, o marziani per essere un "nuovo" regista. Si pu essere tutto o nulla ma indispensabile avere motivazioni e talento. E lei dimostra di avere tutto ci che serve.

29/04/2013, 17:16

Stefano Amadio