Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

BENVENUTO PRESIDENTE! - La fantasia e la realtà


Dal 21 marzo in sala, distribuito in quattrocento copie da 01 e prodotto dalla Indigo Film di Nicola Giuliano e Francesca Cima. La conferenza stampa


BENVENUTO PRESIDENTE! - La fantasia e la realtà
Claudio Bisio arriva al Quirinale
Non è un film pro o contro il M5S. Più volte gli attori, gli autori e i produttori in conferenza stampa hanno voluto sottolineare il distacco dall’attuale situazione politica italiana e in particolare dal movimento grillino.

E’ un film però politico, se pur comico, perché, per il regista Riccardo Milani, la politica serve a capire le responsabilità fin da quando si è bambini, quando si respira anche il sentimento opposto dell’antipolitica. "Penso che questo sia un Paese diviso in due e che la politica sia stata una conquista. Ma, quando sento frasi del tipo “Tutti a casa, il fetore dei partiti”, credo che sia uno sbaglio perché il marcio c’è anche fuori il Parlamento. Riguarda un problema etico di questo paese".

Il film, nato da un'idea di Nicola Giuliano che ha contattato Fabio Bonifacci e Riccardo Milani per la sua realizzazione, non si è sviluppato sull’onda del movimento grillino, ma sul più generale clima di protesta che stava crescendo in Italia nei confronti della politica. "In una palestra ho sentito un gruppo di ragazzi, che prima parlavano solo di calcio e ragazze, iniziare a parlare male dei partiti e ho capito che la protesta non era più ristretta ad un gruppo di intellettuali, ma si stava allargando".

Anche Claudio Bisio, che nel film interpreta il ruolo di Giuseppe Garibaldi, un precario bibliotecario di un paesino di montagna, eletto per sbaglio Presidente della Repubblica, ha ammesso di non essersi ispirato ai grillini perché durante le fasi di costruzione del personaggio ancora non esistevano.

E’ un ruolo questo che ha accettato con un po’ di paura per la responsabilità di fare il Presidente, pur essendo perfetto, come lui stesso ha ironicamente affermato, per l’età. "È la più grande istituzione italiana e "Benvenuto Presidente!" è una commedia dell’arte di oggi riferita ai politici: un genere che rappresenta un pezzo di storia usata per raccontare il paese".

Un film nato come comico, ma poi rivelatosi iperreale: una favola che i produttori hanno cercato di rendere il più possibile credibile, che aprirà il Bari Film Festival.

13/03/2013, 20:06

Alessandra Alfonsi