Meno di 30
I Viaggi di Robi

Festival Roma - PULCE NON C'E', ma ci sono ottimi interpreti


Unico italiano in Concorso in Alice, il film di Giuseppe Bonito riesce a far stare in silenzio una platea di studenti per tutta la proiezione. Risultato eccezionale.


Festival Roma - PULCE NON C'E', ma ci sono ottimi interpreti
Francesca Di Benedetto, "Pulce non c'"
Finalmente un film italiano ben recitato. Scritto con attenzione, diretto con misura e gusto "Pulce non c'" una sorpresa in questo VII Festival di Roma, dove il livello delle nostre produzioni, specie quelle in concorso ufficiale, non certo elevato.

Il film di Giuseppe Bonito, unico italiano in Concorso nella sezione indipendente Alice nella Citt, dimostra di essere una creazione sentita, dove la voglia di raccontare un episodio, di affrontare un argomento traspare in tutto il suo svolgimento.
Tratto dall'omonimo romanzo di Gaia Rayneri, il film sembra essere sopra le parti, lasciando il giusto dubbio sino alla conclusione. La sceneggiatura scritta da Monica Zapelli con la collaborazione dell'autrice del romanzo, aiuta molto le interpretazioni degli attori; piccoli e grandi, ben diretti dal regista, riescono a misurare ogni movimento, anche il pi drammatico, rendendolo vero e credibile.

Oltre alle due piccole sorelle, Francesca Di Benedetto e Ludovica Falda, i due genitori sono i personaggi principali, interpretati da Pippo Delbono e Marina Massironi. Di contorno, tutti in parte, la nonna Piera Degli Esposti, il dottore del centro Alberto Gimignani, Anna Ferruzzo l'operatrice del centro, ma anche Lucia Vasini e Giorgio Colageli nel ruolo del magistrato dei minori.

Pulce autistica e, vittima della superficialit di una maestra, finisce per essere rinchiusa in una casa di recupero, per allontanarla dal padre accusato di violenza sulle figlie. La verit che emerger alla fine, non altro che un obiettivo per mostrare il pericoloso percorso della Giustizia, che spesso accusa e condanna prima di valutare attentamente la situazione. Maestre e assistenti sociali escono malamente dalla storia, mostrando limiti di preparazione che non di rado si possono incontrare nella realt.

Un film riuscito che ha soddisfatto la platea di studenti, concentrati e silenziosi come di rado si vede per tutta la proiezione e felici di esprimersi alla fine con un applauso liberatorio.

15/11/2012, 16:14

Stefano Amadio