CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

THERE WERE ALWAYS DOGS, NEVER KIDS - Cercare un film


Il documentario di Alessandro Magania e Max Tannone si “addentra” in un videonoleggio fornitissimo (e unico) a Chelsea, New York


THERE WERE ALWAYS DOGS, NEVER KIDS - Cercare un film
Quarantamila titoli, forse anche di più. E’ questo il “tesoro” che Alessandro Magania e Max Tannone hanno scelto come protagonista del loro documentario “There were always dogs, never kids”, girato nella zona di Chelsea, a New York, all’interno della storica videoteca Alan’s Alley.

Un non-appassionato e non-collezionista lo potrebbe ritenere quasi una discarica (e le prime immagini del doc gli darebbero ragione...), per gli altri invece questo videonoleggio così fuori dal tempo e unico nel suo genere ha un che di sacro, le cui “reliquie” vengono giustamente (ironicamente?) anche omaggiate da un passaggio di musica sacra in colonna sonora.

Una lunga e interessante intervista ad Alan Sklar, titolare e carismatico proprietario del negozio, ripercorre la storia e le caratteristiche di “Alley”, ma sono le immagini catturate dai due registi a rimanere nella mente dello spettatore, ipnotizzato dalle migliaia di vecchie VHS (ma ci sono anche migliaia di dvd e di bluray!) che ancora oggi, nell’epoca del VOD e di Amazon, vengono quotidianamente noleggiati dagli abitanti di uno dei quartieri più alla moda, multietnici (e gray-friendly) del mondo.

Alan’s Alley è il regno dei cinefili, clienti fedeli che amano discorrere di cinema col proprietario, ma a guidare le scelte dei suoi clienti sono da sempre gli “Alley’s cats”, i gatti che Alan ha sempre tenuto con sé da quando ha aperto e che vivono il locale da veri “padroni”, ospitando - generosamente - anche i tanti cani che passano di lì (molti “dogs” e pochissimi “kids”, come recita il titolo).

I film sono suddivisi secondo un ordine che Sklar gestisce in totale autarchia, ci sono ovviamente gli approfondimenti su singoli attori o registi (e non solo sui più noti: ci sono spazi riservati a Frank Whaley - chi?!?! - e a Romola Garai, nominata “musa personale” da Alan...), ma anche scelte più insolite come “Ragazze con la pistola”, o “Giovani alienati”, o ancora “Gay interest” e “Filmati istituzionali” (con le lezioni di cucina di Julia Child in bella vista).

Chissà dove Alan collocherà il dvd di questo documentario...

27/06/2012, 09:00

Carlo Griseri