I Viaggi Di Roby

VISIONI FUORI RACCORDO - No Piero No Cry!


La genesi del reggae italiano in "Rockman" di Mattia Epifani, Premio Miglior Opera Documentaria alla Quinta Edizione del Festival romano - (Libro)


VISIONI FUORI RACCORDO - No Piero No Cry!
Per lo stile del visivo e per il valore aggiunto e decisivo di una struttura forte che utilizza la rievocazione della nascita del reggae come momento libertario della gioventù che si batte per la sua gioia di esistere e per i suoi diritti, oggi così lividamente denegati: con questa motivazione la giuria del Visioni Fuori Raccordo Film Festival, composta da Marco Bertozzi, Cecilia Mangini e Antonio Medici, ha assegnato il Premio Miglior Opera Documentaria a "Rockman" di Mattia Epifani.

"Rockman" è una trasposizione cinematografica del libro Dai Caraibi al Salento. Nascita evoluzione e identità del reggae in Puglia di Tommaso Manfredi, che è anche l’ideatore e il produttore del documentario, insieme a Davide Barletti con il contributo di Apulia Film Commission.

La sensibilità e l’attenzione della pasoliniana Cecilia Mangini, la più importante documentarista donna italiana, verso il Salento non potevano essere colpite da questo documentario che, attraverso la genesi del reggae in Italia, vuole raccontare i cambiamenti socio-economici di un’intera generazione, che prima del 1977 non conosceva il reggae.

Piero Longo, alias Militant P, è il fulcro dell’evoluzione e del progresso musicale e sociale della California italiana. Chi lo ha conosciuto lo descrive come una forza della natura, una scintilla da cui è partito tutto, un leone, diviso tra studio e arte, uno fondamentale per la musica, un’icona, un anello centrale di una catena musicale, un eroe del palco capace di riempirlo di contenuti importanti, un poliedrico impegnato. Non solo quindi membro fondatore dei Sud Sound System assieme a GGD, DJ War, Papa Gianni e Treble, ma opinion leader di una generazione, che desiderava la libertà e sognava di stare in Giamaica.

Il documentario un omaggio a Piero Longo che ha trapiantato in Puglia e in Italia il reggae senza modificare e alterare la sua originaria identità come un culto che si diffonde ed è presente ovunque.

27/11/2011, 19:13

Alessandra Alfonsi