!Xš‚ť‰

PRIMAVERA CINEMA ITALIANO 2011 - Mimmo Calopresti: “Tra i miei
progetti futuri c’č un nuovo film, tratto da un libro di cui ho
acquistato i diritti, “Uno per tutti” di Gaetano Savatteri"


PRIMAVERA CINEMA ITALIANO 2011 - Mimmo Calopresti: “Tra i miei progetti futuri c’č un nuovo film, tratto da un libro di cui ho acquistato i diritti, “Uno per tutti” di Gaetano Savatteri
Con l’anteprima di “Anche io ero comunista” e la presenza del regista originario di Polistena ha esordito, mercoledě 6 aprile 2011, il lungo prefestival (che si chiuderŕ il prossimo 12 aprile) della V edizione de “La Primavera del Cinema Italiano- Premio Federico II”.

Al Supercinema Modernissimo di Cosenza, il regista de “L’abbuffata” ha presentato un trailer del suo ultimo film “Anch’io ero comunista” e il suo documentario “I ribelli”. Un incontro con il pubblico, insieme al direttore artistico del festival Alessandro Russo e la giornalista Raffaella Salamina, per raccontare i retroscena di una nuova pellicola in cui restituisce l’atmosfera e il senso comune su cosa rappresentasse il Pci attraverso immagini e interviste.

Al pubblico calabrese che lo ha accolto calorosamente, gremendo la sala cinematografica, Calopresti ha consegnato due importanti anticipazioni: “Anche io ero comunista” potrebbe partecipare a breve a un festival internazionale”. Ma soprattutto ha annunciato: “Tra i miei progetti futuri c’č un nuovo film, tratto da un libro di cui ho acquistato i diritti, “Uno per tutti” di Gaetano Savatteri. Originariamente doveva essere girato tra Torino e la Sicilia. Ma voglio trovare le location in Calabria, voglio girarlo qui. Č sempre Sud, e questa č la mia terra. Mi piacerebbe, inoltre, proiettarlo qui per la prima. Quando torno a Cosenza e, in particolare in questa sala, mi sento a casa”.

Nel corso del dibattito su “Anch’io ero comunista”, il regista ha spiegato al pubblico che si tratta di un omaggio al grande cinema italiano che ha raccontato il popolo dei comunisti. "Il cinema" – ha detto Calopresti – "č un’arma potente per uscire dai luoghi comuni e dalla retorica. Oggi piů che mai abbiamo bisogno di conoscere la nostra storia, di sapere che in passato c’č stata la buona politica e che c’era un cinema di sinistra nato nell’epoca fascista".
Mimmo Calopresti ha poi indicato il grande Charlie Chaplin come "il padre del cinema indipendente": "Ha saputo raccontare" – ha chiarito – "". E poi, a proposito del festival La Primavera del Cinema che – da tradizione ormai – č chiamato a inaugurare ha detto: "Questo festival mi vuole bene. Ma devo dire che tutti gli ospiti di altissimo livello, tra attori e registi, dell’edizione dello scorso anno hanno condiviso con me ottime impressioni su questo evento e sugli organizzatori. Sono stati tutti felici di venire qua. Ecco, anche questo festival rompe le distanze, ha avvicinato il cinema alla Calabria e la Calabria al cinema. Č riuscito a imporsi sul piano nazionale. Solo quelli che se lo meritano, vincono".

Al maestro Mimmo Calopresti č stata consegnata la maglia del Cosenza Calcio. Un omaggio, oramai una tradizione per La Primavera del Cinema Italiano. A consegnare la maglia con i colori del Cosenza Gianni Verardi dello Store Onze. Un segno di affetto a dimostrazione del forte legame tra la cittŕ Bruzi e il regista de “L’abbuffata”.

Il direttore artistico Alessandro Russo, a chiusura dell’incontro, dopo aver ringraziato il padrone di casa Leonetti del Supercinema Modernissimo, il presidente dell’Associazione Le Pleiadi (promotrice del festival), Giuseppe Citrigno, il dott. Bilotta, vicepresidente della Camera di Commercio, che erano presenti in sala ha auspicato: “Che il cinema invada Cosenza!”.

07/04/2011, 13:25