FilmdiPeso - Short Film Festival

Note di regia del documentario "Bianciardi!"


Note di regia del documentario
La Milano di oggi, vista dal finestrino di una vecchia Fiat (la stessa su cui Bianciardi fece e raccont un viaggio in Marocco), fa da sfondo alle voci degli amici e dei familiari che rievocano Luciano Bianciardi, lanarchico, lintellettuale coltissimo ma appassionato di cultura popolare, di calcio, tv, canzonette. E poi il traduttore, il lavoratore precario antelitteram, addirittura lopinionista e il personaggio televisivo. Quello della vita agra insomma, che non solo il titolo di un romanzo ma agra e dolorosa nonostante tutto lo era per davvero.
Non rimasto niente di allora, di quella stagione della cultura italiana: i libri, la tv, il calcio, le canzoni. Non rimasto niente della miniera di Ribolla che salt in aria e accese la rabbia di Bianciardi fino alla fine della sua vita. O forse, rimasto tutto. Tutto quello che Bianciardi aveva gi visto quarantanni fa: la sconfitta, la fine delle speranze, limpossibile fuga dalla grigia normalit della vita e dallinesorabilit del potere.

Massimo Coppola e Alberto Piccinini