FilmdiPeso - Short Film Festival

aggiungi un messaggio
Nadi Hassan  (14/02/2007 @ 13:23)
Film di grande umanit, che forse in alcuni momenti scorre via un p "lento" ma un film da vedere perch di nobili intenti e perch ben diretto da Faenza e ben interpretato da Zingaretti.
Battista Passiatore  (24/11/2006 @ 00:00)
La vera storia di 3P (come veniva chiamato) Padre Pino Puglisi: un'esistenza al servizio dell'umanit che segue i principi del Vangelo, ma anche e soprattutto la vita di un siciliano (di Brancaccio), di origini umili, che ha tentato di opporsi alla mentalit mafiosa, sradicandola con l'insegnamento di altri valori. Immerso e impegnato in un quartiere senza giustizia, senza opportunit, senza destino che non fosse l'arruolamento nelle schiere della mafia e l'omert. Un film dedicato ai bambini di Palermo, la maggior parte dei quali gi senza nessun futuro fin dalla nascita, costretti a vivere in una realt sociale dove le regole sono del tutto autocratiche e impossibili da piegare; la vita ed il desiderio di Don Puglisi era quello di poter regalare un sogno ai suoi bambini. Roberto Faenza ("Prendimi l'Anima", "Sostiene Pereira", "I Giorni dell'Abbandono") ha diretto e scritto la sceneggiatura di questo film che nessuno voleva produrre; dieci anni di ricerche e studi per un risultato che colpisce lo spettatore come un pugno allo stomaco grazie anche all'intensa interpretazione del bravo Luca Zingaretti. Ancora una volta un film italiano che parla di Mafia (da ricordare il bellissimo "I 100 passi"): la vera forza della Mafia che continua a comandare perch nessuno si ribella per paura di ripercussioni su se stesso o sui propri cari; una totale mancanza di rivolta da parte di chi vive questa situazione quotidiana, solo indifferenza e omert. Un film anche di denucia, ma non contro una citt o una regione, ma contro una mentalit chiusa, contro gente sfiduciata ed impaurita che sembra aver perso le speranze per migliorare la vita in sicilia. Bisogna insegnare a "camminare a testa alta", "alla luce del sole", non a chinare la testa, questo intendeva esprimere e diffondere la coraggiosa opera del martire Puglisi.Ci sono voluti anni per riconoscerne l valore e questo film testimonia ulteriormente come il suo sacrificio non sia stato vano ma offra anche oggi una scintilla di speranza.

Video


Foto