I viaggi di Roby
Cinema Aquila

A Dia a Baracoa


Regia: Giovanni Princigalli
Anno di produzione: 2012
Durata: 12'
Tipologia: documentario
Genere: etnologico/musicale/religioso/sociale
Paese: Italia
Produzione: Heros Fragiles
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di proiezione: colore
Titolo originale: A Dia a Baracoa
Altri titoli: Un Jour à Baracoa

Sinossi: Un dia a Baracoa è un corto film etnografico girato a Cuba, quando per pura casualità, il regista si ritrova di fronte al rituale afro-cubano di San Lazaro.
Le riprese non erano previste, e così il regista si trova a dover filmare con una piccola, vecchia e non professionale macchina fotografica, che può registrare sulla solo brevissimi video. Inoltre, le batterie sono quasi scariche. Tali imprevisti danno un tocco d'ironia al film.
Nonostante questi ostacoli, il risultato è comunque interessante. Filmando il rituale (con canti e musiche) ed intervistando il giovane e gentile médium (el santero), il cineasta arriva comunque a capire e a spiegare il funzionamento del rito, e come delle divinità africane e dei santi cristiani, siano arrivati a coabitare o a fondersi in un solo ed armonico universo simbolico e religioso.
Dal punto di vista della comprensione di che cosa sia ォun  film etnografico サ, questo piccolo lavoro è interessante, perché viene realizzato senza una previa ricerca antropologica. Si può dire che la ricerca arriva nel momento stesso della regia ed anche del montaggio. Ecco che ricerca e creatività, etnografia e cinema di fondano tra loro. La fine è un momento d'ironia che ci dice qualcosa in più sul lavoro dell'etno cineasta, oltre che sul quotidiano e l'immaginario dei partecipanti al rito.

Ambientazione: Baracoa (Cuba)

  • Festival
  • Home
    video
  • Colonna
    sonora
  • Sala e TV

Video


Foto

Notizie