I viaggi di Roby
locandina di "Un Matrimonio"

Cast

Interpreti:
Micaela Ramazzotti (Francesca Osti)
Flavio Parenti (Carlo Dagnini)
Andrea Roncato (Sisto Osti)
Valeria Fabrizi (Rosalia Osti)
Katia Ricciarelli (Zia Amabile)
Francesco Brandi (Taddeo Osti)
Alessandro Sperduti (Angelo Dagnini Ragazzo)
Matteo Leoni (Alberto Dagnini Ragazzo)
Viola Sartoretto (Anna Paola Ragazza)
Antonella Ferrari (Anna Paola Adulta)
Federica De Cola (Giulietta)
Chiara Ricci (Valeria Zabban)
Roberta Mengozzi (Pierina Cappelli)
Isabella Aldovini (Lilliana Dagnini)
Marta Iagatti (Laura Dagnini)
Osvaldo Ruggieri (Prof. Coccheri)
Emanuele Timothy Salce (Viero Bianchi)
Jacopo Bicocchi (Lele Gardi)
Adelmo Togliani (Edgardo Rizzi)
Andrea Santonastaso (Augusto Saccenti detto “Tini”)
Maximilian Dirr (Joseph Cialfi)
Giorgio Borghetti (Alberto Dagnini Adulto)
Chiara Basile Fasolo (Elvira Ragazza)
Daniele La Leggia (Luigi Di Paolo)
Stefano "Vito" Bicocchi (Capo Pellegrini)
Lucia Loffredo (Cecilia Simi)
Silvia Degrandi (Bea Ardigò)
Margherita Laterza (Roberta Ragazza)
Andrea Montovoli (Mario La Bella)
Roberto Ciufoli (Umberto Borsato)
Silvia Kaminski (Elvira Adulta)
Gisella Sofio (Zia Celeste)
Edoardo Pesce (Sergio Vigetti)
Giorgia Sinicorni (Roberta Adulta)
Massimo Cagnina (Pietro)
Sandro Dori (Ariano Lucci)
Vincenzo Failla (Antenore Rizzi)
Enrico Salimbeni (Enzo Masetti)
Remo Remotti (Don Aldo Ricci)
Mariella Valentini (Medea Dagnini)
Ettore Bassi (Angelo Dagnini Adulto)
Christian De Sica (Pippo Dagnini)
Corrado Tedeschi (Romolo Grande)
Tony Campanozzi (scaricatore)
Alessia Fabiani
Maximilian Dirr
Romano Reggiani

Soggetto:
Pupi Avati

Sceneggiatura:
Pupi Avati
Tommaso Avati
Claudio Piersanti

Musiche:
Riz Ortolani

Montaggio:
Amedeo Salfa

Costumi:
Francesco Crivellini
Katia Dottori

Scenografia:
Giuliano Pannuti
Pasquale Tricoci (Arredamenti)

Effetti:
JustEleven

Fotografia:
Pasquale Rachini

Suono:
Piero Parisi
Pompeo Iaquone

Casting:
Adriana Sabbatini

Aiuto regista:
Roberto Farina

Produttore:
Antonio Avati (Duea)
Alessandra Ottaviani (Rai Fiction)

Coordinamento Finanziario:
Diego Raiteri

Direttore di Produzione:
Gianfranco Musiu

Regia Seconda Unità:
Mariantonia Avati

Organizzatore Generale:
Antonio Gallo

Assistente alla Regia:
Simone Petralia

Un Matrimonio


Regia: Pupi Avati
Anno di produzione: 2013
Durata: 100' x 6
Tipologia: film-tv
Genere: drammatico
Paese: Italia
Produzione: Duea Film, Rai Fiction
Distributore: n.d.
Data di uscita:
Formato di proiezione: DV, colore
Ufficio Stampa: Viviana Ronzitti / Rai Fiction
Titolo originale: Un Matrimonio

Recensioni di :
- UN MATRIMONIO - La fiction di Avati su Rai Uno

Sinossi: È il racconto di un amore lungo più di 50 anni. Dal primo incontro nel 1948 alle nozze d’oro nel 2005.
I protagonisti sono Carlo Dagnini e Francesca Osti, giovani bolognesi appartenenti a contesti sociali diversi: lui, figlio di un commerciante benestante, assiduo e non fortunato scommettitore alle corse di cavalli; lei, figlia di un operaio dell’Arsenale, ex emigrante e gran donnaiolo.
Nonostante la contrarietà delle rispettive famiglie, Carlo e Francesca, sempre più uniti da un sentimento tenero e ispirato, si fidanzano, si sposano, mettono al mondo due bambini, Angelo e Alberto, scelgono di adottare una bambina paraplegica, Anna Paola, e diventano nonni. Insieme superano le iniziali difficoltà economiche, i problemi legati alle inquietudini dei figli, le disillusioni e la miopia che la lunga vita a due porta con sé, fino a separarsi. Per poi ritrovarsi, scegliersi di nuovo e stare l’uno accanto all’altra per sempre.
Sullo sfondo della loro storia, scorrono alcuni eventi della cronaca dell’Italia della seconda metà del Novecento, ricostruita grazie al repertorio delle Teche Rai (l’avvento della tv, per esempio, il referendum sul divorzio, il rapimento di Aldo Moro, la strage di Bologna).

Ambientazione: Bologna / Roma / Sasso Marconi (BO)

Note:
I puntata
Anna Paola Dagnini, quarantenne psichiatra bolognese, ha organizzato la festa per le nozze d’oro di Carlo e Francesca, i suoi genitori adottivi. La cerimonia è il pretesto che le consente d’iniziare a raccontare la storia del matrimonio di suo padre e sua madre, da quando si conobbero, cinquanta anni prima, fino ai nostri giorni.
Carlo e Francesca s’incontrano a Sasso Marconi, sulle rive del fiume Reno, nell'estate del 1948. Lei, figlia di operai, s’innamora perdutamente del bello e aristocratico Carlo Dagnini nonostante la relazione casta e traballante con Joseph, ragazzo svizzero, futuro violinista, in vacanza in Italia. Anche Carlo è impegnato: è infatti fidanzato con l’elegante e ricca Valeria Zabban che lo ospita nella sua villa.
Tornati di corsa a Bologna (anche a causa dei disordini legati all’attentato a Togliatti), i due si perdono di vista: Carlo continua a vedere Valeria e Francesca a subire passivamente la corte di Joseph che da Losanna le scrive lettere d’amore. Il caso vuole che i due si incontrino nuovamente quando Francesca viene assunta come commessa nel negozio di camicie che solo in un secondo momento scopre appartenere al padre di Carlo, Pippo Dagnini.
Il rapporto fra loro si stringe quando Pippo Dagnini muore lasciando moglie e figli in un mare di debiti. Francesca è la sola a rimanere accanto a Carlo. Lo sostiene, lo incoraggia e lo aiuta come può nel difficile passaggio del fallimento della camiceria familiare. La loro vicinanza viene però interrotta da Joseph che arriva a Bologna e la invita a seguirlo a Losanna per farle conoscere sua madre. Francesca accetta, soprattutto per non deludere le speranze dei suoi genitori, ma alla fine non riesce a mantenere la promessa: lei desidera restare a Bologna per non perdere Carlo. Joseph è costretto così a fare rientro in Svizzera da solo.

II puntata
Il legame tra Francesca e Carlo diventa ancora più stretto quando Medea Dagnini muore, logorata dalla perdita improvvisa del marito al quale era molto legata. Carlo, privato anche dell'affetto materno, con due sorelle e un’anziana zia da mantenere, si rende conto del valore e dell’importanza che Francesca ha nella sua vita: lascia definitivamente Valeria e si fidanza con quella ragazza così diversa, così accogliente, così innamorata di lui.
Dopo non molto tempo le chiede di sposarlo. Lei è felice come non era mai stata, anche se teme la reazione della sua famiglia, così differente da quella di Carlo, per ceto e per militanza politica. La madre di Francesca, il padre, di fede socialista, e Taddeo, il fratello aspirante giornalista e fervente comunista, reagiscono freddamente all’idea che la ragazza possa legarsi a un borghese democristiano, rampollo della buona società e per giunta squattrinato. I due innamorati sono così costretti a rinviare il loro sogno.
Mentre Francesca inizia a lavorare come centralinista alla Timo, Carlo conosce Lele, commesso in un negozio di antiquario, col quale decide di entrare in affari e girare la provincia in cerca di oggetti d’arte da comprare e rivendere. Le prime piccole soddisfazioni economiche legate ai due nuovi impieghi, riempiono i giovani di fiducia e ottimismo, tanto da indurli ad affrontare nuovamente i genitori di Francesca. E questa volta non incontrano ostacoli.
Il matrimonio viene celebrato nella chiesa di San Giuseppe a Bologna e il pranzo è allestito semplicemente in un garage. Carlo e Francesca sono finalmente marito e moglie. Ma la loro felicità viene messa a dura prova dalle intemperanze di Taddeo: ubriaco aggredisce il cognato per le sue posizioni politiche. Dall’altra parte del tavolo, anche Laura, sorella di Carlo e fidanzata di Tini, un bancario con l’ossessione del ping pong, sembra non essere d’accordo su quell’unione: secondo lei, Carlo meritava di più.

III puntata
La III puntata si apre con la grande nevicata del 1956. Bologna è bloccata e molti spalatori si danno da fare per liberare le strade principali dalla neve. Francesca affronta i suoi primi problemi con le sorelle di Carlo. A criticarla è soprattutto Laura. Non approva, per esempio, il suo modo semplice di vestire. “Sei la signora Dagnini adesso!” le ricorda.
Le differenze di classe iniziano a farsi sentire, anche se Francesca è l’unica a portare in casa uno stipendio; è l’unica a occuparsi della vecchia zia e della casa dove vivono tutti insieme. Carlo lo ricorda a Laura difendendo amorevolmente sua moglie.
Liliana, l’altra sorella di Carlo, conosce l’avvocato Masetti che appare fin da subito innamoratissimo di lei.
Taddeo si è trasferito a Roma in cerca di fortuna come giornalista. Si aggira per la città alla ricerca di un posto per dormire, ma non avendo molti soldi finisce all’Eca, l’istituzione che ospita poveri e sbandati. Dopo una lunga ricerca, trova per fortuna una sistemazione comoda al centro di Roma presso un prete malaticcio, don Ricci. Ma per mantenersi, oltre alle collaborazioni giornalistiche deve fare il lavapiatti. E sulla scia dei fatti d’Ungheria, entra in conflitto con il suo partito e con l’idea stessa di comunismo.
A Bologna, intanto, Carlo fa finalmente il suo primo affare: scova un Fattori in un magazzino. L’eccezionale vendita di quel quadro a un collezionista, con l’aiuto del socio Lele, migliora le finanze della famiglia Dagnini, soprattutto ora che Francesca è in attesa del primo figlio.
Angelo nasce nell’estate del 1956. E’ un grande evento per tutti, anche per i genitori di Francesca che reputano comunque da incoscienti mettere al mondo un figlio se prima non si ha una concreta stabilità economica. Quando Angelo ha un anno e mezzo Francesca resta incinta di nuovo: le sorelle di Carlo e la mamma di Francesca restano senza parole. Secondo loro bisognava aspettare.
Tini chiede, dopo molte esitazioni, la mano di Laura. Lei non lo sa, ma a fargli rompere gli indugi, oltre all'affetto che il giovane prova per lei, è certamente la recentissima approvazione in parlamento della legge Merlin. È infatti il 20 febbraio del 1958 quando bussa alla sua porta nel pieno della notte per farle la sua proposta di matrimonio.

IV puntata
Alberto, il secondogenito, è appena nato. Tini e Laura si sposano e Taddeo a Roma frequenta Cecilia, un’attrice (un’umile comparsa in realtà) della quale intimamente si innamora. Carlo scopre casualmente che l’avvocato Masetti, fidanzato della sorella Lilliana, è sposato con la figlia di un industriale. Sconvolto, lo invita con determinazione a sparire dalla circolazione.
L’omicidio di John Fitzgerald Kennedy a Dallas, il 22 novembre 1963, segna l’atmosfera di questo periodo. E Taddeo, a Roma, sempre più preso da Cecilia, segue da cronista l’attentato che ha sconvolto il mondo intero.
In casa Dagnini arriva Anna Paola, la bambina conosciuta in un orfanotrofio alle porte di Bologna che Carlo e Francesca decidono di adottare. Una scelta che all’inizio spaventa sia gli altri componenti della famiglia Dagnini, sia i genitori di Francesca. Ma al primo incontro con la piccola Anna Paola “che non sa camminare”, come giocosamente e teneramente ripetono i due fratellini, ogni timore viene dimenticato.
In casa tutto è più semplice di un tempo, c’è benessere e serenità. Carlo e Francesca acquistano l’appartamento dove ha sempre vissuto la famiglia Dagnini e lo ristrutturano, sbalordendo per il lusso i genitori di Francesca. E’ qui che si festeggia la prima comunione dei bambini. Tra i tanti invitati c’è anche Valeria, la ex fidanzata di Carlo rivista per caso a Milano dopo tanto tempo. Francesca ne è ancora terribilmente gelosa. Al punto che incontrandola pochi giorni dopo Francesca d’istinto la avverte: “Stai lontana da mio marito!”. Pentendosi subito dopo, mentre lo confessa a Carlo.
A Roma Taddeo continua la sua relazione con l’attrice, nonostante il matrimonio di Cecilia con un piccolo sedicente produttore che la illude sulla sua carriera.
Nel frattempo, i ragazzi Dagnini sono cresciuti. Angelo, sensibile e inquieto, non studia, beve, fuma e inizia a frequentare un gruppo di sfaccendati. Carlo lo scopre ed entra in conflitto con lui. Francesca chiede al marito di non accusarlo, ma di parlare con lui: “è più debole dell’altro”. E Carlo lo fa: per dimostrargli la sua fiducia gli regala anche la tanto desiderata batteria che permette al ragazzo di far parte di un gruppo rock che un discografico nota subito.
Alberto invece è decisamente un bravo ragazzo. Studente modello, si fidanza con Elvira che frequenta con lui i boy scout. Qui conosce anche Luigi Baietti, con cui stringe una profonda amicizia e del quale Anna Paola s’innamora subito. Non sa però come farglielo capire. Alla fine decide di scrivergli una lettera che affida ad Alberto affinché gliela dia durante l'escursione in montagna che i due amici stanno per fare insieme. Ma Alberto non riesce a consegnare quella lettera. Luigi cade accidentalmente in un burrone e muore.

V puntata
Mentre a Bologna Angelo viene fatto fuori dal gruppo musicale, a Roma Taddeo, ormai assunto dal giornale, comincia ad avere problemi con Cecilia, che è disposta a tutto pur di sfondare nel mondo del cinema. Oltre a questo, il marito, sedicente produttore, viene arrestato per truffa e lei si ritrova senza più nulla, senza nemmeno una casa. Taddeo si offre subito di ospitarla.
Angelo, sempre più amareggiato e arrabbiato per il fallimento del suo sogno musicale, fa amicizia con Mario, col quale inizia a condividere una passione smodata per alcol e scorribande notturne. A peggiorare le cose arrivano la bocciatura all'esame di maturità e la delusione sentimentale con Roberta, compagna di scuola che Angelo ama senza essere minimamente ricambiato. I suoi problemi si ripercuotono inevitabilmente sui genitori: tra Carlo e Francesca si fanno sempre più evidenti le incomprensioni e le difficoltà di comunicazione. Tutto precipita quando Angelo, dopo la seconda bocciatura, scappa di casa. Sono gli anni degli scioperi, delle manifestazioni studentesche, del terrorismo.
Taddeo ottiene grandi soddisfazioni professionali pubblicando un pezzo sul rapimento di Aldo Moro che gli procura la stima del direttore. Ma i problemi con Cecilia non accennano a diminuire. Una notte, di ritorno dall'ennesima cena di lavoro, la ragazza non lo trova a casa. Taddeo è tornato a Bologna perché il padre è gravemente malato.
Dopo varie ricerche e attese strazianti, Anna Paola riconosce Angelo in una foto sul giornale, ritratto insieme a un gruppo di contestatori caricati dalla Polizia. Il ragazzo è stato arrestato ed è trattenuto in Questura. Carlo e Francesca si precipitano da lui. Riescono a impietosire il giudice e a riportare il loro ragazzo a casa.
Nella sua città natale, Taddeo ha ritrovato la sua famiglia. Ha riabbracciato il padre che trascorre i suoi ultimi mesi di vita nell’eroica lettura dei Promessi sposi: “nessun operaio dell’Arsenale lo ha mai fatto”. Taddeo decide però di dare un’altra svolta radicale alla sua vita partendo come volontario insieme ad una associazione no profit che aiuta i bambini bisognosi del Brasile, lo stesso paese in cui suo padre è emigrato da giovane.

VI puntata
L’ultima puntata si apre con l’annuncio del matrimonio di Alberto ed Elvira. Tutta la famiglia riunita intorno alla grande tavolata brinda al gioioso evento che avverrà l’anno successivo.
Carlo ha molti impegni di lavoro. Sta anche ristrutturando insieme a Lele il grande spazio che diventerà una bellissima galleria; una galleria che gestiranno insieme a Bea Ardigò, esperta d’arte milanese arrivata a Bologna dopo il suo divorzio. Carlo resta colpito sin da subito da lei, è attratto da quella donna così diversa da Francesca.
Francesca attraversa un momento difficile: ha perso il padre (Sisto è morto dopo essere riuscito a leggere fino all’ultima pagina dei Promessi sposi) e del rapporto con Carlo ha capito che l’amore che lei prova non può bastare per due. Ma nonostante questa consapevolezza le scatta un’istintiva gelosia per Bea, ancor prima di scoprire che Carlo la tradisce proprio con lei (cosa che avviene il giorno della strage alla stazione di Bologna, nell’agosto del 1980). Francesca ferita e delusa, chiede al marito di andare via di casa. Carlo allora convoca i figli per comunicare apertamente la sua relazione con Bea e la conseguente separazione dalla madre.
Francesca si sforza di non far pesare su Angelo, Alberto e Anna Paola il suo dolore. Segue con affetto e partecipazione le loro vicende, il loro diventare grandi. Angelo però, che comincia ad avere qualche soddisfazione personale dall’avvio di un avanzato studio di registrazione, decide di andare dal padre in galleria. Gli dice solo “Ci manchi” e va via, lasciando Carlo spiazzato e con un improvviso desiderio di famiglia.
Carlo chiama Francesca e le chiede un appuntamento. C’è un grande fermento in casa: Anna Paola sostiene la madre chiamandola in continuazione dalla facoltà di Medicina. Lilliana è in grande agitazione; ha disapprovato il fratello pubblicamente ma allo stesso tempo desidera che ritorni. E Francesca, naturalmente, è nervosissima. Quando Carlo e Francesca si ritrovano sulla porta di casa, nella casa in cui hanno condiviso gli anni più felici, si abbracciano e quell’abbraccio è una promessa d’amore. Carlo si ricongiunge alla sua famiglia.
Angelo, durante una riunione di lavoro, incontra Roberta, la compagna di scuola di cui è stato innamorato per tutta l'adolescenza. Ora è sposata con un suo cliente. Si riaccende qualcosa. Quando poco tempo dopo si rincontrano, Roberta ha divorziato. I due iniziano a frequentarsi e Angelo può finalmente coronare il suo sogno sposando la donna che in fondo ama da sempre.
Nel 1992 Anna Paola si specializza in psicoterapia e apre un suo ambulatorio. L’Italia è a lutto per la strage di Capaci. Pietro, il suo primo paziente, è simpatico, strano, sessualmente ambiguo. Conclusa la terapia il rapporto tra Anna Paola e Pietro si trasforma in un’amorevole amicizia, una relazione aperta di sostegno reciproco.
È Anna Paola a suggerire ai genitori di festeggiare i loro cinquant’anni di matrimonio con una messa e una festa. Iniziano così i preparativi. Cercando tra le vecchie cose di famiglia nascoste in soffitta, Anna Paola trova la lettera che da ragazza aveva scritto a Luigi, il ragazzo morto in montagna tanti anni prima, lettera che il fratello le aveva detto, per non ferirla ulteriormente, di aver consegnato all’amico.
2005, le nozze d’oro. Appaiono tutti i protagonisti della nostra storia. La puntata si chiude a Sasso Marconi, sulle rive del Reno. Lì dove il racconto della storia d’amore tra Carlo e Francesca ha avuto inizio.


Video


Foto