I viaggi di Roby

Lemuri. Il Bacio di Lilith


Regia: Gianni Virgadaula
Anno di produzione: 2008
Durata: 80'
Tipologia: lungometraggio
Genere: horror/thriller
Paese: Italia
Produzione: Istituto Culturale di Sicilia per la Cinematografia
Distributore: n.d.
Data di uscita: n.d.
Formato di proiezione: DV, bianco/nero
Titolo originale: Lemuri. Il Bacio di Lilith
Altri titoli: Lilith, a Vampire Who Comes Back

Sinossi: Germania 1928. Contrada del Lupo. Il barone Ludwig von Reder, rimasto vedovo della giovane moglie Lusilla Helm, vive nell'antico casale di famiglia con il suo fedele servo, lo storpio ed ambiguo Balduin, che nascostamente insidia le fanciulle del villaggio e le uccide. Von Reder è ossessionato dal ricordo della bella Lusilla, e trascorre le sue notti insonni davanti al ritratto dell'adorata consorte. Un giorno, il barone scopre casualmente una lettera autografa della moglie, dove la donna si definisce una revenant "non morta" e si firma Lilith Helm. Quello è lo stesso nome di un'antenata di Lusilla che accusata di stregoneria, fu bruciata al rogo. Scavando intorno a quell'oscura vicenda, tra fantasmi e superstizioni, Ludwig - per bocca della veggente Siria e del Padre Gerard - scoprirà che la moglie defunta e Lilith sono la stessa persona, e che Lusilla, divenuta una donna-vampiro, continua ad aggirarsi in Contrada del Lupo, mietendo vittime fra i bambini del villaggio. Infine, lo stesso von Reder rimarrà vittima di Lilith, quando in una notte tregenda, uscita dalla sua bara, la lèmure andrà in cerca del marito per condurlo per sempre con sé

Ambientazione: Canicattini Bagni (SR)

"Lemuri. Il Bacio di Lilith" è stato sostenuto da:
Siracusa Film Commission (Patroicinio)


Video


Foto

Notizie