I viaggi di Roby
locandina di "La Misura del Confine"

Cast

Interpreti:
Paolo Bonanni (Mathias Valletti, Topografo Svizzero)
Peppino Mazzotta (Peppino, Gestore Rifugio)
Thierry Toscan (Ulrich, Guida Svizzera)
Beatrice Orlandini (Beatrice, Gestore Rifugio e Compagna di Peppino)
Giovanni Guardiano (Giovanni, Topografo Italiano)
Massimo Zordan (Bangher, Guida di Carcollo)
Adriana Ortolani (Rosamaria, Fidanzata di Giovanni)
Tommaso Spinelli (Tommy, Assistente Mathias)
Luigi Iacuzio (Osvaldo, Guida Italiana)
Rolando Alberti (Atti, Guida Svizzera)
Lorenzo Degli Innocenzi (Cunaccia, Assistente Italiano)
Gianluca Buonanno (Sindaco Varallo)
Monica Rapetti (Elodie, Compagna Mathias)
Elisabetta Bendotti (Dolcina)
Filippo Cucchi (Antonio Botis, la Vittima)
Manolo Bioni (Germano Botis, detto il Pastina)
Roberto Bioni (Nicodemo Bangher, Assassino)
Massimo Tassan (Pilota Elicottero)

Soggetto:
Andrea Papini
Monica Rapetti (Collaborazione)

Sceneggiatura:
Andrea Papini
Monica Rapetti (Collaborazione)

Musiche:
Petra Magoni
Ferruccio Spinetti

Montaggio:
Maurizio Baglivo

Costumi:
Moris Verdiani

Scenografia:
Roberto Conforti

Fotografia:
Benjamin Nathaniel Minot

Suono:
Bernardetta "Bernie" Signorin

Produttore:
Sandro Frezza
Ferdinando Vicentini Orgnani
Sergio Bernardi

Organizzatore di Produzione:
Mauro Sangiorgi

Operatore Seconda Unità:
Stefano Spiti

La Misura del Confine


Regia: Andrea Papini
Anno di produzione: 2010
Durata: 79'
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico
Paese: Italia
Produzione: Alba Produzioni
Distributore: n.d.
Data di uscita: 06/05/2011
Formato di ripresa: HD 4k red
Camera: Telecamere Red da 4k
Post Produzione: Presso Cinecittà 3/Reset VFX
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: Studio Vezzoli
Titolo originale: La Misura del Confine

Recensioni di :
- "La Misura del Confine", un giallo ambientato in mezzo alle Alpi

Sinossi: Due topografi, uno svizzero e un italiano, sono chiamati dall’amministrazione di un piccolo comune delle alpi per individuare i confini tra i due stati, andati perduti, e definire così la proprietà di una mummia emersa dai ghiacci. Il sindaco del piccolo paese italiano spera in tal modo di rilanciare il turismo del luogo. Le accurate indagini dei due portano alla luce un delitto del dopoguerra e il suo segreto.

Sito Web: http://www.lamisuradelconfine.it

Ambientazione: Rifugio Vigevano - Alagna Valsesia (VC)

"La Misura del Confine" è stato sostenuto da:
Comune di Varallo
Comune di Alagna
Club Alpino Italiano Varallo Sesia CAI
Guide Alpine Alagna
Rifugio Vigevano
Monterosa Ski
Aceto Ponti
Leica Geosystems
Sokkia
Omnia Sport


Note:
Nel dicembre 2008 il film di Andrea Papini intitolato “La velocità della luce”, vince il primo premio della rassegna “Cinema Domani. Esordi del Cinema italiano indipendente”. Il premio consiste in due settimane di uso della raffinata telecamera Red 4k. Su questa opportunità, insieme con la collaudatissima e affiatata troupe del film precedente, è nata l’idea di realizzare il film “La misura del confine”, ambientato interamente in un rifugio di montagna a tremila metri di quota: il Vigevano.
Questo ampio rifugio situato sul Monte Rosa è dotato di diversi saloni con affacci su panorami magnifici. Il luogo è diventato così il teatro di posa, per interni ed esterni, della realizzazione di questo film al quale ha partecipato, oltre all’affiatato cast di attori - comprendente tra gli altri Peppino Mazzotta e Paolo Bonanni, provenienti da successi come “La meglio gioventù” o “Il commissario Montalbano” – uno staff di tecnici di prim’ordine.
Tutto il progetto filmico è stato una sfida, sia per gli attori che hanno vissuto a cavallo tra settembre ed ottobre del 2009 nello stesso luogo delle riprese, sia per la produzione che ha accompagnato gli attori nel loro difficile lavoro in alta quota, sia per la regia, che ha unito irrazionalità e passioni, prima fra tutte quella per la montagna, continuamente sfidata dagli abitanti che la circondano, spesso anche a costo della vita.
Data l’eccezionale posizione del rifugio - oggi facilmente raggiungibile con le funivie che salgono sia dal versante piemontese sia da quello valdostano - gli esterni e gli interni si sono amalgamati con fluidità spettacolare, eliminando il pericolo claustrofobico di analoghi film ambientati in un’unica location. Un grazie particolare va rivolto alle comunità locali – Alagna e Varallo –, al corpo guide, all’elisoccorso e alle funivie del Monterosa ski senza i quali la realizzazione di questo film sarebbe stata impossibile.


Video


Foto