locandina di "Bianca come il Latte, Rossa come il Sangue"

Cast

Interpreti:
Luca Argentero (Il professore)
Filippo Scicchitano (Leo)
Aurora Ruffino (Silvia)
Gaia Weiss (Beatrice)
Romolo Guerreri (Niko)
Gabriele Maggio (Proteina)
Roberto Salussoglia (Big Mac)
Pasquale Salerno (Jack)
Michele Codognesi (Sparrow)
Flavio Insinna (Padre Leo)
Cecilia Dazzi (Madre Leo)
Ilaria Ingenito (Betta)
Eugenio Costantini (Vandalo)
Valerie Sibilia (Madre Beatrice)
Romolo Guerrieri

Soggetto:
Alessandro D'Avenia
Fabio Bonifacci

Sceneggiatura:
Alessandro D'Avenia
Fabio Bonifacci

Musiche:
Modà
Andrea Guerra

Montaggio:
Alessio Doglione

Costumi:
Gemma Mascagni
Monica Celeste (collaborazione)

Scenografia:
Paola Bizzarri

Fotografia:
Fabrizio Lucci

Suono:
Mirko Guerra

Casting:
Barbara Giordani

Produttore:
Luca Bernabei
Matilde Bernabei

Organizzazione generale:
Beppe Serra

Produttore esecutivo:
Daniele Passani

Produttore delegato:
Valentina Pozzoli

Bianca come il Latte, Rossa come il Sangue


Regia: Giacomo Campiotti
Anno di produzione: 2013
Durata: 102'
Tipologia: lungometraggio
Genere: drammatico
Paese: Italia
Produzione: Lux Vide; in collaborazione con Rai Cinema
Distributore: 01 Distribution
Data di uscita: 04/04/2013
Post Produzione: Rosario Ranieri
Formato di proiezione: 35mm, colore
Ufficio Stampa: Studio Nobile Scarafoni
Titolo originale: Bianca come il Latte, Rossa come il Sangue

Recensioni di :
- Libro/film - BIANCA COME IL LATTE, ROSSA COME IL SANGUE
- BIANCA COME IL LATTE ROSSA COME IL SANGUE - Amore e dolore

Sinossi: Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod.
Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori "una specie protetta che speri si estingua definitvamente". Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno.
Leo sente in sé la forza di un leone, ma c'è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l'assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdità è bianco. Il rosso è invece il colore dell'amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Percé un sogno Leo ce l'ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.

Sito Web: https://www.facebook.com/BiancaComeIlLatteRossa...

Ambientazione: Torino

Periodo delle riprese: Dal 26 maggio 2012 per sei settimane.

"Bianca come il Latte, Rossa come il Sangue" è stato sostenuto da:
Enel Green Power
Film Commission Torino Piemonte
Unicredit


Libro sul film "Bianca come il Latte, Rossa come il Sangue":
"Bianca come il Latte, Rossa come il Sangue"
di Alessandro D'Avenia, 254 pp, Mondadori, collana Scrittori italiani e stranieri, 2010
Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod. Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori "una specie protetta che speri si estingua definitivamente". Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno. Leo sente in sé la forza di un leone, ma c'è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l'assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdita è bianco. Il rosso invece è il colore dell'amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Perché un sogno Leo ce l'ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.
prezzo di copertina: 19,00

Acquistalo su € 16.15



Video


Foto