Streeen.org
I Viaggi Di Roby

MANTOVAFILMFEST 15 - Nel manifesto Catherine Spaak


MANTOVAFILMFEST 15 - Nel manifesto Catherine Spaak
Per il quindicesimo anno consecutivo, ecco il MantovaFilmFest. Cinque giorni di cinema in festa, fatti di proiezioni, incontri, eventi speciali e tanti film, alla scoperta delle nuove voci del cinema italiano e sotto il segno dei grandi autori del passato. Il programma dettagliato verrà illustrato all’inizio del mese di agosto in una conferenza stampa di presentazione, ma il cammino del MantovaFilmFest inizia ufficialmente ora, con lo svelamento del manifesto ufficiale di questa quindicesima edizione.

È una Catherine Spaak praticamente all’esordio quella che ci apre il sipario su questa nuova edizone. L’immagine ufficiale del festival è tratta da La voglia matta, pungente commedia del 1962 con un sorprendente Ugo Tognazzi firmata da Luciano Salce. È a quest’ultimo, nell’anno del suo centenario, che il MantovaFilmFest dedica la sezione Retrospettiva. Autore dalle molteplici risorse e vocazioni, dalla tv alla teatro, Salce ha saputo attraversare il cinema più verace delle commedie popolari senza rinunciare ad una prospettiva decisamente acuta, talvolta contaminata con la satira, spesso in grado di mettere alla berlina molti dei costumi nostrani. Poliedrico e caustico, il linguaggio di Salce risulta ancora oggi sorprendentemente moderno e offre spunti di riflessione inaspettati e ironici sulla società italiana del Novecento.

Quella di Salce è una scelta che ne racchiude molte altre: la sua notevolissima produzione ha infatti permesso di incrociare e spesso rivitalizzare il percorso artistico e professionale di molti altri giganti del cinema italiano. È il caso del già citato Ugo Tognazzi, anch’egli centenario in questo 2022, che con Salce si scopre grande interprete di commedie, e della stessa Catherine Spaak – da poco scomparsa e compianta – che grazie a Salce trova notorietà e successo, e anche di Vittorio Gassman, terzo centenario da festeggiare che con Salce ha avuto occasione di collaborare proficuamente.

Assieme alla Retrospettiva, il MantovaFilmFest 2022 conferma le altre sezioni che da sempre ne costituiscono la spina dorsale. Prima fra tutte il Concorso Opera Prima, dedicato ai film d’esordio del cinema italiano, che vedrà come di consuetudine otto film concorrere per il Lauro di Virgilio assegnato dal pubblico; spazio poi ai documentari nella sezione Filmdoc, che proporrà alcuni delle più interessanti opere non fiction della stagione; si conferma infine la sezione non competitiva dedicata alle Opere prime internazionali, proiettate con audio in cuffia, in lingua originale con sottotitoli, che ritrova la location del giardino Cordibella all’interno del Conservatorio “Lucio Campiani”.

A proposito di location, si confermano gli spazi del già citato Conservatorio di via Conciliazione e del cinema Migon di via Benzoni, per un totale di cinque schermi: due al chiuso (auditorium del Conservatorio e sala interna del Mignon), tre all’aperto (chiostro maggiore e giardino del Conservatorio, arena estiva del Mignon).

Si parte giovedì 18 agosto per terminare lunedì 22. Il programma completo di tutti i titoli e degli eventi verrà svelato all’inizio del mese di agosto in occasione della conferenza stampa ufficiale a cui si affiancherà una serata speciale di presentazione al pubblico. Nella stessa occasione saranno comunicate le modalità di accesso al festival.

16/07/2022, 13:58