CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

TEKOSER. IL PARTIGIANO ORSO - Sabato 6 novembre a Roma


TEKOSER. IL PARTIGIANO ORSO - Sabato 6 novembre a Roma
Sabato 6 novembre alle ore 17:00 in proiezione da SCENA il documentario su Lorenzo Orsetti, partigiano della causa curda ucciso in combattimento nel 2019, "Tekoşer. Il partigiano Orso" di Dario Salvetti.
Introduce Vincenzo Maria Vita - presidente AAMOD, intervengono Stefania Limiti - giornalista e scrittrice, Antonio Medici - direttore Scuola d'Arte Cinematografica Gian Maria Volonté, Yilmaz Orkan - responsabile UIKI-ONLUS (Ufficio di Informazione del Kurdistan in Italia).
Saranno presenti il regista Dario Salvetti e Alessandro Orsetti, padre di Lorenzo. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Da Firenze Rifredi al nord della Siria, nel Rojava e poi di nuovo a Rifredi, passando per la battaglia di Afrin e di Deir el Zor negli ultimi giorni della campagna militare contro l’Isis e con la minaccia incombente della Turchia di Erdogan. Fortemente ispirato agli scritti di Lorenzo Orsetti, contenuti nel libro “Siria, scritti dal nord est”, il documentario Tekoşer, di Dario Salvetti, segue la vicenda di Lorenzo Orsetti (Orso), ragazzo di Rifredi partito alla fine del 2017 per sostenere la rivoluzione dei popoli del Rojava e combattere l’Isis. Un viaggio che si snoda tra le interviste al padre e al cugino di Lorenzo, gli interventi di altri volontari internazionali partiti per il Rojava e le parole stesse di Lorenzo Orsetti. Un documentario che spazia anche visivamente dagli scorci di Rifredi, resi con l’effetto timelapse a sottolineare lo scorrere della nostra routine, fino ai combattimenti in Rojava. Nel fare questo si appoggia sulle illustrazioni originali di Giulio Peranzoni che richiamano a loro volta i numerosi murales e graffiti che contraddistinguono lo spazio urbano ripreso dall’occhio della telecamera.

Pur non essendo stato concepito come un documentario sulla vicenda del Rojava e sul conflitto in Siria, Tekoşer non manca di lasciare un importante affresco sulle caratteristiche di quel conflitto e del progetto rivoluzionario in Rojava. Ma nello sviluppo narrativo emergono via via altri piani, come il significato dell’essere partigiani oggi e infine il problema dello scopo e del significato della vita stessa. “La vita non finisce nella morte ma nell’indifferenza” dice Eddi, volontaria internazionale in Rojava, sottoposta oggi a due anni di “sorveglianza speciale” dal tribunale di Torino.

Un omaggio a Rifredi, una testimonianza della causa curda, della lotta antifascista e internazionalista contro l’Isis e infine una commossa riflessione sul senso della vita: “Tekoşer, il partigiano Orso” prova ad amalgamare il tutto con un montaggio che punta consapevolmente sul ritmo e sull’intensità. E’ una testimonianza e un ricordo di Lorenzo e un omaggio alla sua causa.

03/11/2021, 10:17