I Viaggi Di Roby

Note di regia di "Una Nuova Voce"


Note di regia di
All’origine c’è stato il bel progetto “Pianta un albero: è un gesto d’amore” del Centro servizi per il volontariato Sardegna Solidale. Ora c’è anche un film. Una nuova voce, questo il titolo,
è partito da quando il CSV Sardegna Solidale ha cominciato a girare l’Isola per piantare gli alberi, migliaia di alberi, e noi con la nostra piccola troupe siamo andati con loro filmando decine di gesti d’amore, in posti incantevoli, giardini, piazze e comunità. Abbiamo raccolto le suggestioni dei bambini che mettono le mani nella terra, e quelle mani se le sono sporcate. Abbiamo creato e montato storie. A venire fuori è appunto Una nuova voce, un breve film su un’iniziativa che ha mobilitato la Sardegna per salvaguardare la natura, l’ambiente, il paesaggio e di riflesso l’intero pianeta.
Il film è stato girato (a Bitti, Tergu, Perfugas, Tempio Pausania, Oristano, Laerru, Nulvi, Tortolì, Guspini, Villacidro, Orosei, Cagliari, Iglesias, Gergei, Villaspeciosa, Fluminimaggiore,
Orgosolo) prima e durante i terribili incendi dell’estate scorsa che hanno devastato la Sardegna e gran parte del nostro pianeta. Sì, il mio piccolo film è anche una risposta alla furia del fuoco. È stato anche il modo per essere a fianco del CSV Sardegna Solidale durante la campagna si sensibilizzazione e responsabilizzazione dei cittadini per un uso sostenibile dell’ecosistema terrestre. Temi risuonati più volte in questi giorni nelle iniziative di Vanessa Nakate, Martina Comparelli, Greta Thunberg, con altri rappresentanti di Fridays for Future e una galassia di movimenti, riuniti a Milano nell’Eco9 Social Forum al Climate Camp, in occasione del preCop26.
Senza dimenticare come si descriveva Grazia Deledda in un autoritratto giovanile: “Ho vissuto coi venti, coi boschi, con le montagne; ho guardato per giorni, mesi e anni il lento svolgersi delle nuvole sul cielo sardo; ho mille volte appoggiato la testa ai tronchi degli alberi, alle pietre, alle rocce, per ascoltare la voce delle foglie, ciò che dicevano gli uccelli, ciò che raccontava l’acqua corrente… e così si è formata la mia arte, come
una canzone…

Peter Marcias