CINECITTÀ SI MOSTRA
I Viaggi Di Roby

Note di regia di "Querido Fidel"


Note di regia di
L'idea centrale di Querido Fidel è molto semplice: che succederebbe se un uomo decidesse di vivere il proprio quotidiano secondo i suoi ideali, fino in fondo, abbandonando le comodità del pensiero astratto? Questo è Emidio, il Comandante, il sognatore, il picchiatello, che vive l'eterno conflitto tra la propria ideologia e la realtà con cui è costretto a confrontarsi tutti i giorni. Questo contrasto si amplifica maggiormente nelle differenze tra generazioni: quella di Emidio, cresciuta a “pane e rivoluzione” e quella di Ernesto, suo figlio, mal cresciuta nel mito del consumo e nell'arroganza del capitalismo. La società non riconosce né comprende più il sogno o l'ideale come parte del pensiero umano. Lo consente fino a quando resta nei limiti dell'irraggiungibile, lo circoscrive in uno schema semplice e chiaro definendolo utopia, in qualche caso addirittura pazzia, e così lo esclude, lo emargina. In questo modo ogni pensiero critico è destinato ad incontrare una terra sterile intorno a sé, e così o si arrocca ostinato nella propria incomunicabilità o più semplicemente si spegne. Emidio tiene viva la sua fiamma fino al parossismo. Il gap ideologico e generazionale è portato all'estremo, ad un livello quasi surreale, dove il grottesco, l'ironia, l'amarezza e la tenerezza s’intrecciano e compiono l'antico rito della commedia. Al centro del conflitto un'altra grande protagonista: Napoli. Una città atipica che, nonostante anch'essa sia soggetta alle sue regole, vive ai margini della società contemporanea, custodendo all'ombra dei suoi vicoli una sorta di bolla di autonomia e creatività che lascia spazio e tempo per le differenze, le stranezze e le storture. Una città per i sognatori. Una città per i rivoluzionari.

Viviana Calò