I Viaggi Di Roby

UN SILENZIO DI MEZZANOTTE IN PIENO GIORNO - Una video inchiesta
sui lavoratori dello spettacolo al tempo del Covid-19


La pandemia ha fermato cinema, teatri, concerti da oltre un anno. L’economia ha subito una perdita di oltre quattro miliardi di euro. Il web reportage de Il Giorno dà voce ai rappresentanti dei lavoratori dello spettacolo, centinaia di migliaia di persone che chiedono la ripartenza di un settore essenziale tra i più colpiti dagli effetti devastanti del Covid.


UN SILENZIO DI MEZZANOTTE IN PIENO GIORNO - Una video inchiesta sui lavoratori dello spettacolo al tempo del Covid-19
Forse venerdì sapremo se il Comitato Tecnico Scientifico autorizzerà, e con che tempi e modi, la ripartenza del mondo dello spettacolo.
La pandemia ha fermato cinema, teatri, concerti da oltre un anno.
I dati della Siae sono impietosi: il 2020 ha registrato un calo di oltre 3 milioni di eventi, con una conseguente contrazione dei ricavi provenienti dal pubblico dell'82 per cento: in meno di un anno sono andati persi più di quattro miliardi di euro.
 
Centinaia di migliaia di lavoratori dello spettacolo sono rimasti al palo, fermi, impossibilitati a lavorare. "Siamo stati i primi a chiudere, saremo gli ultimi a riaprire" dice Roberto De Luca, Presidente di Live Nation e tra i principali promoter della musica dal vivo in Italia, in apertura della video inchiesta  "UN SILENZIO DI MEZZANOTTE IN PIENO GIORNO", firmata da Sandro Neri, Direttore de Il Giorno e pubblicata sulle testate on line del Gruppo Monrif.

"Quella dei lavoratori dello spettacolo è una delle situazioni più difficili" - precisa Sandro Neri - "Il settore è allo stremo e le voci di chi chiede aiuto allo Stato faticano a farsi sentire. E' di questi giorni la dichiarazione del Ministro Dario Franceschini che al Cts ha ribadito quanto per lo spettacolo la situazione sia diventata insostenibile e come il settore, al pari di quello della scuola, debba essere considerato essenziale. Un piano per la riapertura di teatri e sale concerti, però, non c'è ancora. Le decisioni slittano. E fioccano le proteste dei lavoratori".

Nella sua videoinchiesta, la prima di una serie curata dalla redazione del Giorno, Sandro Neri ha raccolto le voci dei protagonisti di questo dramma: chi resiste, chi non ce la fa più, chi ha provato a reinventarsi. Tra gli intervistati, Franz Di Cioccio e Patrick Djivas della Premiata Forneria Marconi; Dominique Meyer, Sovrintendente del Teatro alla Scala; Elio De Capitani, attore e regista del Teatro Elfo Puccini di Milano; Roberto De Luca, Presidente di Live Nation. E poi, ancora, Anacleto Papa, produttore di eventi dal vivo e Marco Posocco, ingegnere del suono.

Il web reportage è pubblicato su www.ilgiorno.it, oltre che sui canali social e YouTube e rilanciato da tutti i siti del Gruppo.

14/04/2021, 18:28