Festival Internazionale della Cinematografia Sociale \
!X

PIERSANTI MATTARELLA, 6 GENNAIO 1980. STORIA DI UN DELITTO
DI MAFIA - All'interno di Speciale Tg1 e su Rai Storia


PIERSANTI MATTARELLA, 6 GENNAIO 1980. STORIA DI UN DELITTO DI MAFIA - All'interno di Speciale Tg1 e su Rai Storia
Il 6 gennaio 1980, il presidente della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella, viene ucciso in un agguato sotto casa, in via Libert a Palermo. Un uomo che aveva innovato profondamente la politica siciliana, con provvedimenti coraggiosi, in particolare in materia economica, contro la mafia e il malaffare che dominava la Sicilia in quell'epoca. Allievo e pupillo di Aldo Moro, Mattarella prova a riprodurre in Sicilia l'esperimento delle alleanza tra comunisti e democristiani, ma il sequestro e l'uccisione di Moro ne condizionano la strada politica. Nel periodo in cui Cosa Nostra alza il tiro verso gli uomini delle istituzioni, Piersanti Mattarella vede stringersi il cerchio attorno a s, e comincia a temere per la sua vita, ma non abbandona i propositi di cambiamento e rinnovamento che lo portano ancora oggi ad essere un punto di riferimento nella storia politica italiana. Il documentario "Piersanti Mattarella, 6 gennaio 1980. Storia di un delito di mafia" - scritto da Alessandro Chiappetta per la regia di Agostino Pozzi e in onda su domenica 5 gennaio 2020 alle 23.10 su Rai1 all'interno di Speciale Tg1 e luned 6 gennaio 2020 alle 21.10 su Rai Storia - ricostruisce il contesto in cui maturato il delitto, le successive indagini e la storia processuale. Ma soprattutto racconta la figura umana e politica di Piersanti Mattarella, con le immagini delle Teche Rai, le interviste rilasciate da lui stesso e alcune fotografie inedite. A ricordarlo, tra gli altri, Giovanni Grasso, biografo di Piersanti Mattarella; i giornalisti Nino Rizzo Nervo, Giovanni Pepi e Bianca Cordaro; l'ex consigliere giuridico Leoluca Orlando; l'ex consigliere economico Salvatore Butera; l'ex Procuratore Aggiunto di Palermo, Leonardo Agueci; l'ex giudice istruttore del Tribunale di Milano, Giuliano Turone; e Padre Bartolomeo Sorge.

03/01/2020, 16:50