I Viaggi di Robi

PREMIO SOLINAS 2019 - I vincitori


PREMIO SOLINAS 2019 - I vincitori
La manifestazione di premiazione del Premio Solinas 2019 che si tenuta a La Maddalena ha visto consegnare i premi dei tre concorsi, Premio Franco Solinas, Premio Solinas Experimenta Serie e Premio Solinas Documentario per il cinema.

L'Assessore Regionale della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, informazione, Spettacolo e Sport Andrea Biancareddu ha dichiarato: esprimo soddisfazione che il Premio Solinas si svolga ancora nella nostra terra. E una vetrina importantissima che permette di valorizzare e far conoscere ancor di pi il territorio oltremare anche grazie all'attenzione per gli ospiti nazionali e internazionali. Crediamo nello sviluppo del cinema in Sardegna e nelle attivit della Fondazione Sardegna Film Commission tanto da programmare nellimmediato 6,5 milioni per i vari interventi "

La giuria del Premio Franco Solinas al Miglior Soggetto composta da Enrico Audenino, Mariangela Barbanente, Giulia Calenda, Teresa Cavina, Salvatore De Mola, Graziano Diana, Silvia Ebreul, Alessandro Fabbri, Valentina Gaddi, Filippo Gravino, Guido Iuculano, Marcello Izzo, Laura Luchetti, Ilaria Macchia, Michele Pellegrini, Barbara Petronio, Laura Pugno, Domenico Rafele, Ludovica Rampoldi, Stefano Sardo, Roberto Scarpetti, Lisa Sultan, Massimo Torre, Lorenzo Vignolo, Stefano Voltaggio ha decretato il progetto vincitore che si aggiudica il Premio Franco Solinas Miglior Soggetto 1.000 euro e le Borse di sviluppo per un ammontare complessivo di 4.000 euro da suddividere tra gli stessi finalisti.

Vince Langelo Infelice (titolo originale La Valle dei Sorrisi) di Paolo Strippoli Jacopo Del Giudice e Milo Tissone perch attraverso una narrazione di genere sospesa e carica di mistero gli autori tratteggiano la figura perturbante di un angelo innocente e mostruoso difficile da dimenticare. E affrontano cos il tema del dolore, come pena ma anche come tappa ineludibile della vita di ognuno di noi.

La giuria ha assegnato una menzione speciale a Alice (titolo originale La Bambina Immaginaria) di Elenora Bordi e Giulia Camilla Pace perch una storia che d vita a due personaggi femminili non convenzionali, non rassicuranti, non conciliatori. Uno sguardo irriverente sulle relazioni familiari. Con l'auspicio che le autrici sappiano conservare in un successivo sviluppo la freschezza e il brio del soggetto.

Annamaria Granatello e la Giuria del Premio Franco Solinas, hanno deciso allunanimit, di arricchire il concorso con una Menzione Speciale al Miglior Progetto in Fase di Sviluppo che stato assegnato a

Elastici (titolo originale La Cura) di Luca Giordano Per la capacit di raccontare con un linguaggio essenziale ma fortemente evocativo come un gesto damore possa diventare violenza quando si trasforma in ossessione. Uno sguardo scomodo su un rapporto madre-figlio cos profondo e distruttivo che ha rari precedenti nel nostro cinema.

La giuria del Premio Solinas Experimenta Serie in collaborazione con Rai Fiction composta da Isabella Aguilar, Emanuele Cotumaccio, Salvatore De Mola, Leonardo Ferrara, Monica Rametta, Monica Ricci, Valerio Vestoso, Monica Zapelli ha annunciato il Progetto Vincitore che verr opzionato dal Premio Solinas per poter realizzare un pilota di serie da 25 minuti con un budget massimo di euro 120.000.

Vince Cabala (titolo originale OM) di Francesco Toto Per essere riuscito a trattare un tema filosofico urgente e contemporaneo, il bisogno di credere, in una chiave moderna e sorprendente, con una collana antologica che brilla per variet di temi, generi, ambientazioni e con una eccellente caratterizzazione dei personaggi, profondi, sfaccettati e tridimensionali

La Giuria del Premio Solinas Experimenta Serie ha deciso di assegnare due menzioni speciali. Una per Autogol (titolo originale Ultima Categoria) di Ivan Pavlovic Per aver raccontato il calcio femminile, recentemente salito alla ribalta, usando una cornice originale e inedita, un paesino del Nord Italia, attraverso un gruppo eterogeneo di donne, eterne fallite, alla ricerca di una possibilit di riscossa; si segnalano in particolare i toni dolceamari della storia e i dialoghi brillanti ed efficaci, in grado fornire uno spaccato moderno e realistico di diverse generazioni femminili.

Una menzione speciale a a Il Meccanismo di Kozai di Emanuele Sana Per aver disegnato con efficacia due personaggi al limite, vittima e carnefice, i cui ruoli si fondono e si confondono e portano alla costruzione di un rapporto intenso e profondo. Colpisce la cornice del piccolo paese in cui inserita la narrazione e la missione che il protagonista si autoinflitto, ricondurre a casa sane e salve persone ubriache.

La giuria del Premio Solinas Documentario per il Cinema in collaborazione con Apollo11 composta da Marcantonio Borghese, Federica Di Giacomo, Ilaria Fraioli, Elio Mazzacane, Edoardo Morabito, Antonio Pezzuto, Cristina Piccino, Andrea Sanguigni, Giovanni Spagnoletti ha decretato il progetto vincitore che si aggiudica Il Premio Solinas Miglior Documentario per il Cinema 6.000 euro e le Borse di sviluppo per un ammontare complessivo di 4.000 euro da suddividere tra gli stessi finalisti.

Vincono ex-aequo il Premio Solinas Miglior Documentario per il Cinema Non Roma (titolo originale Amor) di Virginia Eleuteri Serpieri e Se non mi odi non mi ami (titolo originale Il Carattere distruttivo) di Gianandrea Caruso perch sono due progetti che avventurandosi nel discorso amoroso esplorano forme e linguaggi diversi del racconto del reale. Dallintimit dolente del lutto al sentimento anarchico distruttivo

La giuria ha inoltre assegnato una menzione speciale a Andata e ritorno (Titolo originale Il Posto) di Gianluca Matarrese e Mattia Colombo perch un progetto che nella forma del Road Movie cerca di trovare unimmagine al nomadismo contemporaneo e alle scelte obbligate dal miraggio della stabilit.

22/09/2019, 13:46