FilmdiPeso - Short Film Festival

GIORNATE DEGLI AUTORI XVI - Enrico Ghezzi racconta
"Gli ultimi giorni dell’umanità"


GIORNATE DEGLI AUTORI XVI - Enrico Ghezzi racconta
Venerdì 30 agosto, in quel contenitore che è la Villa degli Autori, Enrico Ghezzi incontra il pubblico delle Giornate degli Autori presentando l’idea di un suo film, Gli ultimi giorni dell’umanità. Così lo porta in quel suo mondo nel quale ha immaginato l’impensabile, anticipato tendenze e inventato programmi cult come “Blob”, diventato sin dalla sua nascita, sul finire degli anni Ottanta, quasi un modo di dire ormai parte della cultura popolare italiana.

Oggi Ghezzi, con Malastradafilm, Zomia, H12 - una banda di ventura diventata redazione negli ultimi mesi - sta sviluppando un film a partire dal materiale raccolto in più di cinquecento cassette da lui girate negli ultimi trent’anni. Vita privata e maestri del cinema impressi sullo stesso nastro, tra critica, viaggi, volti, luoghi e invenzione di un nuovo genere. “Il cinema è il primo momento in cui il mondo si rivede”, aveva detto qualche anno fa Ghezzi proprio a Venezia. “Poi sappiamo che è finto, che è un trucco […]. È un piccolo sistema, meccanico, banale, semplice, corruttibile, però è sufficiente a produrre un rivedersi del mondo”. Dalla redazione aggiungono: “Non ci è mai interessato fare senza vivere, senza amare, non ci è mai interessato fare questo film per altri motivi”.

“Fuori orario ha portato nelle case di almeno due generazioni un altro cinema - dice Giorgio Gosetti, direttore delle Giornate - quel pubblico che fa tardi davanti alla TV ha scoperto gioielli cinematografici che le regole del mainstream hanno tagliato fuori. Siamo felici di accogliere alle Giornate il padre di questa rivoluzione culturale a cavallo tra i nostri due secoli per sentire dalla sua voce, che ci piace pensare sempre fuori sincrono, il racconto di quello che sta immaginando per il suo pubblico, tra un grande capitolo di storia del cinema e una visione tutta personale”.

27/08/2019, 11:44