I viaggi di Roby
Nuovo Cinema Aquila

OLTRE LO SPECCHIO 1 - I vincitori


OLTRE LO SPECCHIO 1 - I vincitori
Dopo 8 giorni di visioni e incontri, scoperte e conferme, la prima edizione di Oltre lo specchio si concluso mercoled 12 giugno al Cinema Arcobaleno di Milano, con la cerimonia di premiazione dei premi Ciciarampa. Il festival dell'immaginario fantastico e di fantascienza ha ufficializzato i suoi primi riconoscimenti grazie alla giuria, composta da Luisa Ceretto (Cineteca di Bologna), Paolo Nizza (Sky Cinema) ed Emanuele Sacchi (Film Tv) che ha assegnato i seguenti riconoscimenti:

Premio Ciciarampa per il Miglior Film:
Cities of Last Things (Xngf Chngsh) di Ho Wi Ding (Taiwan/Cina, 2018)
per la sua capacit di gestire emozioni e regia, sapendo coniugare visione distopica e riflessione sociale con lintensit delle tradizioni noir e mel delle new wave di Taiwan e Hong Kong

Premio Ciciarampa per la Miglior Regia:
Color Me True (Konya, romansu gekijo de) di Hideki Takeuchi (Giappone, 2018)
il cineasta giapponese dipinge un delizioso affresco intinto di nostalgia e passione. Tra citazioni e giochi metacinematografici, una briosa e travolgente dichiarazione damore per la Settima arte.

Premio Ciciarampa per i Migliori effetti speciali:
Perfect di Eddie Alcazar (Usa, 2018)
grazie a un uso chirurgico del trucco prostetico e della CGI, la pellicola seziona i contorni del fanta-horror. Come un bisturi, il film solleva la superficie della perfezione per trasfigurarci in un mondo sospeso tra nuova carne e biomeccanica.

Premio Ciciarampa al Film pi originale, assegnato ex aequo a:
The Final Land (Das letzte Land) di Marcel Barion (Germania, 2019)
per il coraggio di realizzare una sci-fi artigianale e vintage, sporca e piena di fuliggine, in cui la metafisica tarkovskiana coesiste con gli schermi di computer a fosfori verdi.
The Pool (Narok 6 metre) di Ping Lumpraploeng (Tailandia, 2018)
adottando la struttura del film nel film, riesce, attraverso la scelta di uno specifico dcor, a creare un racconto che poggia sapientemente sulle dinamiche affabulatorie della suspense."

Anche il pubblico, chiamato al termine di ogni proiezione del concorso a dare il proprio giudizio, ha confermato il lavoro della giuria, consegnando il premio del pubblico a al giapponese Color Me True (Konya, romansu gekijo de) di Hideki Takeuchi, con una media voto di 4,42 su 5,00, che batte di poco proprio Cities of Last Things (4,39 su 5,00).

13/06/2019, 10:42