Napoli Film Festival
I viaggi di Roby
Cinema Aquila

SOME PREFER CAKE X - Dal 21 al 23 settembre a Bologna


SOME PREFER CAKE X - Dal 21 al 23 settembre a Bologna
Torna dal 21 al 23 settembre con la sua X edizione Some Prefer Cake – Bologna Lesbian Film Festival, il festival internazionale di cinema lesbico creato da Luki Massa e Marta Bencich, da quest’anno diretto dall'agenzia di comunicazione Comunicattive e realizzato grazie ad una appassionata campagna di crowdfunding. La kermesse cinematografica, organizzata dall'Associazione Luki Massa, che si svolgerà anche quest'anno al Nuovo Cinema Nosadella (Via dello Scalo 21, Via Lodovico Berti 2/7), getta uno sguardo sul panorama della cinematografia internazionale a tematica lesbica, con un'attenzione particolare su produzioni indipendenti, progetti artistici e narrazioni politiche: tre giorni di film e documentari, fra cui anche due importanti anteprime: "Nothing to lose" dell'attivista e performer Kelli Jean Drinkwater e "Water Makes Us Wet - An Ecosexual Adventure" di Annie Sprinkle, una delle fondatrici del movimento femminista Sex positive degli anni '80, e della sua compagna, l'artista e docente Elizabeth Stephens, ma anche cortometraggi, visioni, storie, incontri e mostre per connettersi alle vite e alle lotte di lesbiche e femministe in tutto il mondo. Non mancheranno i momenti di socialità e di divertimento, con dj set tutte le sere e il party in programma per sabato 22 dalle 23.30 a Elastico Fa/Art (via dell'Arcoveggio 49, Bologna).

Il programma, che vedrà l'alternrasi in sala di 10 film e 10 corti, si apre con l'anteprima europea del documentario "Nothing to lose" (Australia 2018, 72'), in cui la regista Kelli Jean Drinkwater mette al centro della narrazione la creazione di uno spettacolo di danza contemporanea, ideato dalla pluripremiata coreografa australiana Kate Champion, che ha come protagoniste persone queer, trans, lesbiche dai corpi non conformi, innegabilmente grassi rispetto alla convenzionale rappresentazione del danzatore e della danzatrice. Lo spettacolo che ne nasce è la rappresentazione di corpi reali in movimento, che esprimono il coraggio, la grazia e l'energia allo stesso tempo, trasformando il corpo umano in un veicolo per il cambiamento, una modalità di resistenza.

Anteprima italiana, sabato 22 settembre alle ore 18.00, anche per il documentario "Water Makes Us Wet - An Ecosexual Adventure" (USA 2017, 75') realizzato dall'attivista e performer Annie Sprinkle insieme alla compagna Elizabeth Stephens, fondatrici del movimento ecosessuale. Il documentario, presentato l'anno scorso a Documenta 14, una delle più importanti manifestazioni internazionali d'arte contemporanea europee, è un racconto poetico, allegro e curioso dei piaceri e della politica dell’H2O da una prospettiva ecosessuale. Di grande interesse anche "Silvana" (Svezia 2017 – 91', in programma venerdì 21 settembre alle ore 22), docufilm dedicato alla rapper attivista femminista svedese Silvana Imam che ha conquistato la Svezia con le sue rime. Le tre registe seguono il percorso di successi di un’artista underground divenuta un’icona, e raccontano la sua relazione con la cantante Beatrice Eli sullo sfondo di un Paese xenofobo e ancora in parte maschilista.

Oltre ai documentari, il festival dà spazio anche a pellicole narrative, fra cui l'horror-thriller
"Thelma" (Norvegia, Francia, Danimarca, Svezia, 2017 – 116', in programma sabato 22 alle ore 20), selezionato agli Oscar 2018, storia di una ragazza, al primo anno di college ad Oslo, e della sconvolgente verità su se stessa, fra rigorismo cattolico della famiglia, scoperta del proprio desiderio lesbico e poteri paranormali.

Non solo lungometraggi! Il festival dà spazio anche ai cortometraggi, con la formula "corti a colazione". sabato 22 e domenica 23 dalle 10.30 sarà possibile fare colazione insieme al Nuovo Cinema Nosadella, aspettando l'inizio delle proiezioni dei cortometraggi alle 11. Tante storie selezionate fra coming out inaspettati, amori adolescenziali, esperienze di vecchiaia lesbica, rappresentazioni distopiche. Fra queste una produzione italiana, il cortometraggio "Non è amore questo" (Italia 2017, 33', fuori concorso) di Teresa Sala che sarà presente in sala insieme alla protagonista del documentario, Barbara Apuzzo. Il corto, in programma sabato 22 settembre a conclusione del pacchetto di corti che sarà proiettato alle 10.30, ci porta nella vita di Barbara, a contatto con la sua quotidianità e intimità, raccontandoci il passato, il presente e i sogni, la vita affettiva e sessuale, il desiderio di maternità, il rapporto con la famiglia di questa donna straordinaria, affetta da una grave disabilità fisica.

Spazio anche agli incontri con Quality, gender, sex, tv (sabato 22 settembre ore 11.00), un’occasione per parlare di female e queer gaze, ma soprattutto per mettere in comune prospettive e porre interrogativi sulla rappresentazione della sessualità e dell’intera esistenza femminile nelle serie tv. Sempre sabato 22, alle ore 17, in collaborazione con Libreria delle donne, rete Attraverso lo specchio e Uaar Bologna, Sara Garbagnoli e Massimo Prearo presenteranno La crociata <>, mentre domenica 23 settembre doppio appuntamento: alle ore 13 'Pranzo a colori' a cura della libreria Tuba di Roma con le fumettiste Frad e Julie Maroh e alle ore 17 presentazione in anteprima di L'emersione imprevista. Storia del movimento delle lesbiche di Elena Biagini, in uscita a novembre 2018, dedicato alla storia del lesbismo politico in Italia.

12/09/2018, 16:18

Video del giorno