Festival del Cinema Città di Spello
I Viaggi Di Roby

DON CARLOS - Dall'Opéra di Parigi in 37 sale UCI Cinemas il 18 marzo


DON CARLOS -  Dall'Opéra di Parigi in 37 sale UCI Cinemas il 18 marzo
Don Carlos di Giuseppe Verdi
Politica, religione, storia e psicoanalisi si mescolano in questa produzione del Don Carlos con un cast straordinario che vede nei ruoli principali Jonas Kaufmann, Sonya Yoncheva, Ludovic Tézier, Elīna Garanča e Ildar Abdrazakov. Il direttore è Philippe Jordan mentre alla regia Krzysztof Warlikowski. Sarà un’occasione unica vedere nella sua versione originale questa tragedia realizzata da Verdi su commissione dell’Opéra di Parigi e qui interpretata da un cast eccezionale. A Parigi si tenne la prima nel 1867. Cantata in francese con i sottotitoli in italiano lo spettacolo avvincerà il pubblico per più di 4 ore essendo l’opera più lunga di Verdi. In breve, l’infante di Spagna Don Carlos perde la fidanzata Elisabetta di Valois perché la ragion di stato la vuole non principessa ma regina al fianco del re Filippo II padre di Don Carlos. Rodrigo il marchese di Posa esorterà l’amico Carlos a perseguire l’amicizia e la libertà e fare propria la causa delle Fiandre mentre la Principessa Eboli che amerebbe il principe non è corrisposta. Il Grande Inquisitore costringerà quindi Filippo II a eliminareprima Posa e poi Carlos.

Sarà al cinema in tutta Italia in differita in 37 multiplex UCI Cinemas come matinée la domenica 18 marzo 2018 alle 11:00: Alessandria, Ancona, Arezzo, Milanofiori (MI), Showville (BA), Orio (BG), Bolzano, Cagliari, Campi Bisenzio (FI), Meridiana (BO), Casoria (NA), Montano Lucino Como, Curno (BG), Firenze, Fiume Veneto, Fiumara (GE), Lissone (MI), Cinepolis Marcianise (CE), Marcon (VE), Mestre, Certosa (MI) Bicocca (MI), Multisala Gloria (MI), Moncalieri (TO), Palermo, Parco Leonardo (Roma), Perugia, Pesaro, Pioltello, Porto S. Elpidio (FM), Reggio Emilia, Romagna, Porta di Roma, RomaEst, S.Giovanni Lupatoto (VR), Lingotto (TO), Villesse (GO)

Se esistesse un'opera capace di sfidare i confini a tutti i livelli, siano essi drammatici o drammaturgici, quella sarebbe certamente Don Carlos di Verdi, realizzata in Francese da un compositore italiano e in cui il clima di guerra con la Spagna e la malinconia degli esseri umani porta la nostra attenzione sul destino delle Fiandre. Krzysztof Warlikowski spoglia una tragedia infestata da fantasmi e mette l'intimo nel cuore di un affresco immaginario più vero della storia stessa. Al podio Philippe Jordan garantisce il successo dell’opera.
L’ambientazione si sposta dal sedicesimo secolo alla Spagna degli anni ’50 del ventesimo. Mentre l’attualizzazione di questa produzione ha suscitato pareri contrari, la resa musicale di altissimo livello fa sì che questo Don Carlos sia l’evento lirico dell’anno.

15/03/2018, 08:12