I Viaggi di Robi

I vincitori della nona edizione di Omovies


I vincitori della nona edizione di Omovies
Con un affollatissimo Gran Gala allistituto Grenoble si conclusa la nona edizione di OMOVIES.IT, Festival del Cinema GLBT ideato da Carlo Cremona e Marco Maria Taglialatela, soci fondatori di IKen Onlus , e divenuto in brevissimo tempo il pi importante del mezzogiorno.

Presentata dalla drag queen Ines Rodriguez con allegria e misura, la serata si aperta con unesibizione al pianoforte del giovanissimo Lorenzo Traverso che ha eseguito un brano di Chopin, e dopo il saluto del direttore artistico Carlo Cremona e del padrone di casa, il console francese Jean-Paul Seytre, il coro corAcor Napoli Rainbow Choir ha omaggiato questultimo con una toccante versione de La Marsigliese, accompagnato dal Maestro Marco Traverso , padre di Lorenzo.

La giuria che ha esaminato i film in concorso, presieduta da Giuseppe Colella, era composta da Giulio Baffi, Ivan Bacchilega, Ethan Eretico Bonali, Cristina Cennamo, Lorenzo Crea, Lorenzo di Las Plassas, Gea Martire, Anna Paola Merone, Salvio Parisi, Eduardo Ronca, Anna Gesualdi e Stefania Rimini.

Importante la presenza istituzionale di Chiara Marciani, Assessore Regionale alle Pari Opportunit, che ha consegnato un premio speciale ad Andrea Francesco Ermanno Giuliano per il cortometraggio Il diritto di provocare, basato sulla sua esperienza di violenta omofobia subita quando abitava in #Ungheria.

Giorgio Zinno, sindaco di #SanGiorgioaCremano, stato il primo politico italiano ad unirsi civilmente con il proprio compagno, ed toccato a lui premiare, per la categoria mediometraggi nella sezione documentari "Homophobic Interlude", film brasiliano di Victor Reis Aleixo con la seguente motivazione: "Il documentario affronta il tema del non-conforme mettendo in gioco lespressione, il ruolo di genere, lidentit sessuale e lorientamento sessuale attraverso unattenta analisi socio-economica". A ritirare il premio Ileana Capurro, presidente dell Atn Associazione transessuale Napoli (ATN).

Viene dal #Brasile anche il vincitore, per la categoria lungometraggi, della sezione documentari: "Vida de Rainha", di Luciana Avellar, con la seguente motivazione:" Un taglio documentaristico vero e molto interessante. Storie raccontate con una prospettiva dotata di unarticolazione che non risparmia niente, con una fotografia di particolare appeal".
A dare una salutare iniezione di ritmo e di contagiosa energia stata la cantante attrice Anna Capasso che sar presto sugli schermi con Gramigna di Sebastiano Rizzo, al fianco di Biagio Izzo, Enrico Lo Verso e Teresa Saponangelo.
Anna Capasso ha poi consegnato una menzione speciale a Luigi Pironaci, regista del film La Ricetta, premiato per la fluidit della sceneggiatura, loriginalit della fotografia, un ottimo lavoro attoriale e la buona regia.

Due i premi speciali, entrambi di grande valore: il primo, consegnato dal blogger Ethan Eretico Bonali, in transizione per diventare uomo (F to M), andato a Yuvraaj Parashar, star di #Bollywood che ritornato ad #OFF nella veste di danzatore e che ha incantato la platea con due danze tradizionali indi, e il secondo a Maurizio Elettrico autore dellopera che questanno ha rappresentato limmagine di OMOVIES.

Molto toccante il videoclip scritto e diretto da Rosalia Porcaro, che poi, dal palco, ha trascinato la sala in uno dei suoi irresistibili monologhi.
Cos come ha deliziato la platea la piccola suite preparato dal coro corAcor Napoli Rainbow Choir ed il numero sciantoso della Rodriguez.

E stata poi la volta della presentazione della clip che ha accompagnato tutte le giornate del festival, inaugurato dal Party a Palazzo Caracciolo e proseguito nelle sale dellAccademy Astra: #Gaymorra. A parlare della web-series stato uno dei protagonisti, Mauro de Simone (alias Cuoricino).

Lattore e conduttore Ivan Bacchilega, cordiale ed elegante come sempre, ha poi premiato, per la categoria Cortometraggi, sezione fiction, Heterox di #Maxime Pourbaix, con la seguente motivazione: "Partendo da una sceneggiatura ben scritta ed articolata, nonch dotata di unironia che mette in ridicolo gli stereotipi, il film risulta nel complesso gradevole, divertente e politico, grazie anche alla perfetta aderenza di un cast formato da bravi attor"i.
Restando alla sezione fiction, ma nella categoria mediometraggi, la vittoria andata al toccante Pool di Leandro Goddinho, altro film brasiliano, molto amato dal direttore artistico Carlo Cremona, e che ha vinto per la sua raffinata eleganza, che utilizza con straordinaria efficacia una sceneggiatura che ha saputo trattare un tema rischioso di quelli che spesso rappresentano un precipizio nella retorica: la solitudine, la difficolt di viverla, eppure la necessit di riconciliarsi con lei, la necessit di amarsi prima di amare.

Per ricordare la cantante trans ValentinaOk, recentemente scomparsa, stato istituito un apposito premio OK, consegnato da Lorenzo di Las Plassas, appannaggio della clip Nun so mai cagnata, diretto da Ciro Grieco, scritto da Domenico Pizzoni ed interpretato dalla mitica Samantha Delle Coccinelle e da SASY Reccia.

Lultimo premio, consegnato dal presidente di giuria Giuseppe Colella, andato al lungometraggio, sezione fiction, Bullied to death di Giovanni Coda ( Jo Coda) , film italo-americano che ha vinto per questi motivi: In un solo film teatro, danza e cinema a testimoniare che la lotta contro lomofobia e la transfobia passa attraverso la cultura. Unopera visionaria completa in ogni sua parte, dalla fotografia, alla sceneggiatura alla regia. Un cast di professionisti ed artisti di eccezionale bravura fanno di questo film unopera darte.

Gran finale con il maestro Marco Traverso, che accompagnato al pianoforte dal figlio Lorenzo, ha eseguito Saluto damore di Elgar.

Un festival che, questanno, ha premiato Imma Villa, per la sua interpretazione in Misteriosofica fine di una discesa agli inferi, di Giuseppe Bucci, e che ha visto la presenza di Lisa Fusco subrettina, del mitico e storico femminiello Tarantina e di Vladimir Luxuria, madrina di OMOVIES 9.

Molto importante la collaborazione con le scuole ([email protected]), curata da Marco Maria Taglialatela, con una bella rappresentanza in sala di studenti ed insegnanti.

19/12/2016, 18:13