Sudestival 2020

FRATELLI DI SANGUE - Il bene e il male davanti alla famiglia


Un film indipendente di genere, voluto e realizzato da Karim Capuano e Francesco Rizzi e diretto da Pietro Tamaro. La storia di una vita sfortunata in cui la criminalit sembra non poter uscire fino a che non si scoprono i legami familiari. Dal 10 novembre in tutta Italia negli UCI Cinema in circa 30 copie, con uscite a Roma, Milano, Napoli e in Puglia.


FRATELLI DI SANGUE - Il bene e il male davanti alla famiglia
La locandina di "Fratelli di Sangue"
Ci si prova, con passione, sperando di farcela, ma non facile. Fare un film non cos facile come sembra e "Fratelli di Sangue" ne la dimostrazione. Ci vuole professionalit e i ruoli devono essere rispettati, non per ristrettezza mentale ma perch le capacit di ognuno devono essere utilizzate al massimo per la riuscita del film.

L'attore Francesco Rizzi anche autore della sceneggiatura e un po' il motore di questo film insieme a Karim Capuano, ex modello e ora ospite in tv che oltre ad interpretare un ruolo importante nel film ne diventato anche produttore, subentrando in corso di realizzazione con la sua societ. Terza pedina del film, Pietro Tamaro, al debutto, entrato anche lui in corsa, passando dall'aiuto regia, per il forfait del regista, a dirigere il film.

Su questi tre pilastri si regge "Fratelli di Sangue", sviluppandosi in una storia che intreccia malavita, polizia e famiglia. Insomma, in fondo gli stessi ingredienti de "Il padrino" ma, come sappiamo, il difficile amalgamarli. Sin dalla sceneggiatura e dai dialoghi, il film pecca di scarsa rilettura e riscrittura, con leggerezze nello sviluppo della storia e battute sfortunate (tipo "sputa il rospo!") che sembrano "uscite da un film".

Uno dei limiti proprio questo, voler prendere spunto in ogni occasione da qualcosa visto al cinema (o peggio in tv) senza prima paragonarlo con la realt o, cosa pi grave, valutare se gli interpreti a disposizione siano in grado di "recitare" il personaggio. Capuano, ad esempio, prova a fare quel boss che abbiamo visto in cento film, senza aggiungere nulla anzi togliendo qualcosa ai tanti capi "spietati und ingiusti".

Tutto il cast fa fatica ad uscire dai clich del genere, appesantito da dialoghi improbabili e personaggi monolitici e uguali a se stessi dalla prima all'ultima inquadratura. Colpa del testo ma anche degli interpreti, lasciati spesso soli e senza troppa esperienza a gestire ruoli del genere.

"Fratelli di Sangue" un esperimento di cuore e di slancio, ma un po' di professionalit in ogni campo non avrebbe guastato il film. Anche in piccole dosi qua e l, sarebbe stata di grande aiuto per un prodotto indipendente e sincero.

14/11/2016, 07:32

Natalia Giunti